Sopravvivere alle leggi Regionali: Anche l’amusement ci prova

giochi senza vincita in denaro e leggi regionali

Considerato che nessuno se ne occupa, bisogna continuare ad “urlare” che le Leggi Regionali sul Gioco, che toccano anche i casino sul web, sono assolutamente disastrose per le imprese, che siano aziende che si occupano di apparecchiature con vincita in danaro che quelle del puro intrattenimento. E sì, oggi come oggi anche l’amusement deve tentare di sopravvivere a queste “leggi capestro” che, oltre tutto, stanno tentando di eliminare anche gli apparecchi senza vincita in danaro e, particolarmente, quelle che sono situate sul territorio romagnolo. Riviera adriatica meta di tantissimi giovani che si riversa sopratutto nel periodo estivo in questa regione così votata al divertimento, ma non più accompagnata dalle apparecchiature del settore dell’amusement che sta seguendo, purtroppo per lui, le restrizioni e le imposizioni che imperversano nel mondo del gioco d’azzardo pubblico, con vincita in danaro.

Da queste “turbative istituzionali” ne è discesa l’organizzazione di un convegno che si è concretizzato in questa settimana e che mette di fronte, appunto, le strutture dell’amusement alle normative di espulsione dal territorio romagnolo, sperando che ciò non si allarghi a tutta la nostra Penisola, da nord a sud. L’evento ha raggruppato realtà importanti nel gioco come la New Agsi Italia, il Consorzio Fee, la Federazione Amusement Italia di Confesercenti e Sapar per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle decisioni prese dalle istituzioni locali e regionali nei confronti degli esercizi e delle sale che ospitano le apparecchiature studiate e create per i giovanissimi e, quindi, senza vincita in danaro. Presenze che raggruppano le più importanti imprese di produzione, distribuzione e gestione dell’amusement e che si sono alleate per la tutela del puro intrattenimento per famiglie e vogliono portare avanti questo percorso… altrimenti lo stesso amusement, purtroppo, morirà.

Questo evento, oltre ad essere una voce che manifesta che il settore non può assolutamente sparire, vuole anche diffondere le ragioni di un intero comparto produttivo che continua ad essere vessato da pregiudizi che lo accomunano da sempre al gioco d’azzardo con vincita in danaro: pregiudizi ed ignoranza che stanno mettendo a serio rischio il lavoro di migliaia di lavoratori dello stesso comparto e che si ripercuote sul settore turistico, tanto strategico per il nostro Paese ed in modo particolare per la riviera romagnola. Già, perché proprio su questo territorio esistono e lavora(va)no tante sale d’intrattenimento per famiglie, numerose nelle località turistiche e diffuse special modo nella riviera romagnola, veneta e friulana dove vengono offerti prodotti di sano intrattenimento e che vengono apprezzati proprio per il prezioso supposto che mettono in campo nel settore del turismo.

Anche nel settore dell’amusement, quindi, si stanno registrando i provvedimenti restrittivi che già stanno minando le basi del gioco con vincita in danaro e dove si sono costrette alla chiusura tantissime imprese che, a loro volta, hanno dovuto licenziare parecchi dipendenti. La conseguenza di tali ordinanze, e specificamente il divieto dei giochi a premi ticket redemption varato proprio dalla Regione Emilia Romagna, condizionerà anche il settore dell’amusement alla chiusura dei luoghi di gioco che in quel territorio richiamano la presenza di nonni e nipoti e che vanno ad incentivare una spinta verso il gioco a casa, simbolo assoluto dell’anti-socializzazione: oltre tutto, senza un supporto scientifico che porti alla giustificazione della tutela verso il gioco problematico. Quindi, questa manifestazione è stata un’occasione importante per esaminare le incoerenze legislative del provvedimento relativo all’Emilia Romagna, incoerenze che sono state in quell’occasione presentate anche ai politici locali presenti all’evento.

É stata una possibilità importante anche per presentare sia i risultati di una importante ricerca scientifica che aveva l’obbiettivo di indagare su di un eventuale rapporto tra gioco senza vincita in danaro e ludopatia, ma anche per illustrare al pubblico una “sala giochi tipo” dedicata all’intrattenimento delle famiglie. Cercare di far comprendere che in quei luoghi il protagonista è il gioco e dove l’abilità dei piccoli giocatori in erba porta alla vincita di piccoli premi, e dove si trovano videogiochi, flipper, kiddie rides, gru che pescano i giocattoli. Queste sono esattamente le attrazioni che si vogliono “eliminare” con la Legge sul Gioco dell’Emilia Romagna e sono sempre quelle attrazioni che da anni costituiscono uno svago e l’intrattenimento per i piccoli turisti e per le loro famiglie e che oggi, purtroppo, una politica “avversa” e demagogica insiste nel voler distruggere e portare all’estinzione.

A sostegno di questa profonda voglia di amusement non si può non sottolineare la nuova iniziativa di Mattel, madre della bambola Barbie nota in tutto il mondo: nuovi piani di creazione di una rete globale di centri di intrattenimento per famiglie con Barbie e con le piste per le macchine Hot Wheels, da concretizzarsi entro il 2020. Anche questo grandissimo brand cede all’idea del sano intrattenimento, annunciando l’apertura di centri Fec (Family Entertainment Center), pensando con i suoi due “articoli di punta”, appunto Barbie ed Hot Wheels, di coinvolgere maschietti e femminucce e che faranno raggiungere un target completo di giovani. I nuovi Fec Mattel spunteranno in tutto il mondo offrendo un’esperienza di gioco ed intrattenimento avvolgente e coinvolgente, combinando insieme giochi fisici e digitali e saranno indirizzati a famiglie con bambini dai quattro ai dieci anni.

Prima destinazione ed apertura in Canada, a Toronto, nella prossima primavera del 2020, con aree tematiche appunto per Barbie, Hot Wheels ed anche per Mega Construx. I centri offriranno eventi come la notte di gioco in famiglia, offerte di cibo e bevande di alta qualità e permetteranno a Mattel di continuare a far sognare i ragazzi e le famiglie portando meraviglia e sollecitando l’immaginazione e la fantasia a chi vorrà partecipare. Inoltre, la partnership con iP2Entertainment creerà nuovissime esperienze di gioco fisico e digitale per bambini che verranno impegnati in modi che nessun dispositivo di piccolo schermo potrebbe offrire. Quindi, se crede il gruppo Mattel nell’amusement, nel puro intrattenimento e nel sano divertimento perché non dovrebbe essere seguito da altre aziende anche di brand inferiore? Sempre che l’attuale Esecutivo non voglia “spazzare via anche il puro divertimento dall’italico territorio” come sta tentando ostinatamente di fare con il gioco d’azzardo con vincita in danaro.

Maggio 19, 2019 Autore: : •
Sito Recensione Licenza Visita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Betway Casino
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
merkur win casino logo
Merkur Win Casino
15€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
10€ Gratis + 1200€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
titanbet casino logo
Titanbet Casino
20€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
32red casino logo
32Red Casino
10€ Gratis + 160€
legale aams
Visita