I Casinò Sloveni non hanno sofferto cosi tanto la pandemia

casino in slovenia non sembrano abbiano molto risentito della pandemia da covid 19

Forse le Case da Gioco nostrane ed i nuovi casino con slot soffrono di riflesso delle tante criticità del nostro gioco e forse anche l’economia del Paese non contribuisce ad un recupero in rapidità di quanto si è perso durante il 2020 ed il 2021.

È, comunque, un dato di fatto che i bilanci dei nostri Casinò non siano “rosei” come quelli di quasi tutte le attività commerciali e produttive del mondo dei giochi.

Così, per consolarci un pochino, si vuole dare un’occhiata ai Casinò stranieri della vicina Slovenia meta frequente dei giocatori italiani che vi trovano sicuramente un’ottima accoglienza, un clima sereno e la tranquillità sanitaria come accade anche nelle italiche strutture di gioco.

Ma mentre le Amministrazioni delle nostre Case da Gioco “tentennano” pericolosamente sul dichiarare la positività di bilancio relativa al 2021 il Gruppo HIT, che gestisce i Casinò sloveni, non si dimostra restio nel dichiarare un bilancio positivo del 2021, in modo particolare per ciò che riguarda quello di Nova Gorica, Casinò La Perla molto ben frequentato dai nostri giocatori.

Come le nostre Case da Gioco si stanno adeguando alle nuove restrizioni conseguenti alla variante Omicron che tocca tutte le realtà territoriali, anche le strutture di gioco elvetiche stanno facendo i loro bilanci e provano a guardare con fiducia al nuovo anno appena iniziato nel quale tutti ripongono speranze di una buona ripresa economica che sia di soddisfazione per gli addetti ai lavori.

Ma con l’occasione “ci piace” dare un’occhiata a ciò che occorre per entrare nei Casinò sloveni: come si sa per arrivare in Slovenia ed accedere alle strutture alberghiere, ristoranti e casinò serve essere in possesso del super Green Pass che deve essere in possesso anche dei dipendenti di quelle strutture.

Per rientrare poi in Italia, a prescindere della fascia di confine dei 60 Km, è necessario il tampone negativo.

E proprio per facilitare il popolo di giocatori esistono dei Covid Point autorizzati nelle immediate vicinanze delle diverse strutture del Gruppo HIT e durante i fine settimana anche all’interno delle strutture stesse.

Viene dunque prestata la massima attenzione alla sicurezza ed alla salute sia dell’utenza che dei dipendenti, rispettando tutti gli standard, ma tutto questo per quanto riguarda una specie di bilancio relativo all’anno 2021 non ha inciso tantissimo né sugli ingressi né sugli incassi.

Nonostante tutto, il Gruppo è soddisfatto della stabilità economica che è riuscito a mantenere in un periodo particolarmente difficile e l’obbiettivo per il 2022 sarà quello di mantenere la stabilità aziendale sperando che i tanti problemi che affliggono il comparto turistico si vadano a dissolvere in modo che le persone possano riprendere a muoversi con maggiore libertà.

Anche se i primi giorni di gennaio ed i dati che ogni giorno arrivano non fanno proprio ben sperare visto che i contagi aumentano e per quello che riguarda l’Italia, per esempio, alcune Regioni stanno cambiando colorazione purtroppo con una certa velocità: e queste, indiscutibilmente, non sono notizie positive per gli spostamenti verso i Casinò sloveni.

Quello che si può dire è che nel corso del 2021 anche per le Case da Gioco slovene i grandi appuntamenti si sono fermati mentre il poker è riuscito, rispettando decisamente tutte le regole imposte, nel secondo semestre ad organizzare ed ospitare tornei: il calendario si è così riempito con dieci eventi, ma di media dimensione con circa 700 iscritti, sin ad arrivare a dicembre on il Shark Bay Festival a La Perla, evento che ha fatto concludere l’anno “in bellezza” e con tanta soddisfazione, seppur con tutte le attenzioni dettate “dalle regole del gioco d’azzardo”che non sempre vengono accettate volentieri dai protagonisti di questi tornei.

Prima si è voluto accennare alle problematiche del turismo per l’accesso agli alberghi ed ai ristoranti unicamente per ricordare che i Casinò di Nova Gorica hanno potuto contare molto spesso sull’afflusso massiccio da parte dei giocatori italiani: d’altra parte i Casinò del Gruppo HIT sono ai confini con l’Italia e l’Austria e da sempre sono stati meta di “turismo ludico” che senz’altro la pandemìa ha in parte limitato.

Ma appena ve ne è stata la possibilità subito si è notata una ripresa nei visitatori: cosa che senza ombra di dubbio ha dato consistenza alla positività dei bilanci di quelle strutture. C’è un ulteriore punto estremamente importante per quanto riguarda i Casinò del Gruppo HIT: sono intervenuti sussidi economici dello Stato per queste attività, supporti che uniti al forte impegno del Gruppo e della sua amministrazione sono riusciti a mantenere invariati i numeri del personale dipendente a tempo indeterminato.

Ciò è stato un successo importante per la problematica dell’occupazione che, in caso diverso, avrebbe creato criticità sostanziose e preoccupanti che si sarebbero aggiunte alla crisi generale che esiste in Slovenia.

Nel frattempo, ed anche per fronteggiare una crisi che comunque c’è, il Gruppo ha cercato di essere competitivo nelle proprie offerte: si è concentrato su diversi “progetti di digitalizzazione e creazione app di gioco casino” ed anche nel migliorare ove è stato possibile, la professionalità degli interpreti che operano con tanta attenzione e rispetto dell’utenza nelle strutture dei Casinò in Slovenia, ma anche per quello che riguarda lo sviluppo dell’online.

Cosa quest’ultima che andrà accresciuta ulteriormente ed in modo forse ancor più meticoloso in vista, anche se si spera non accada davvero, di eventuali prossime chiusure.

D’altra parte, è una situazione da monitorare e tenere presente vista la continua crescita dei contagi che tende a non fermarsi.

Infine, da questa esposizione della situazione generale delle Case da Gioco terrestri slovene si può forse dedurre che non abbiano una situazione critica economicamente come quella che purtroppo vivono le nostre strutture troppo spesso eccessivamente “pompose” e complicate nella loro composizione e nella loro gestione amministrativa.

Di certo motivazione che non ha reso la vita scorrevole alle poche Case da Gioco italiche che oggi sono sopravvissute e che stanno combattendo sia con i visitatori che con gli introiti: probabilmente, il Gruppo HIT nella gestione dei suoi Casinò può usufruire di un’amministrazione e di un’organizzazione più fluida e meno complicata che ha portato ai buoni o soddisfacenti risultati relativi all’anno che si è appena concluso.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 22 Gennaio 2022 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente