La perdurante ed anacronistica chiusura del gioco d’azzardo

perdurare della chiusura del gioco e davvero anacronistico

Ormai non si riescono a trovare ulteriori aggettivi che possano racchiudere il senso della chiusura del gioco pubblico e dei casino top: ogni momento ne viene in mente uno nuovo che ben si attanaglia a questa confusione mentale che ha coinvolto le decisioni sia del CTS che della nuova squadra di Governo. Ed oggi si vuole proprio allungare la lista di tali aggettivi sottolineando quanto sia veramente “anacronistico” tenere le attività ludiche chiuse quando la richiesta dei giocatori c’è, esiste ed è più viva che mai. Richiesta che potrebbe essere accontentata, come accadeva pre-Coronavirus, dai tanti punti di gioco legali disseminati lungo il nostro Stivale ai quali è stata invece imposta una lunghissima chiusura e che, invece, è stata soddisfatta durante tutto il lockdown del gioco pubblico dal gioco illecito che ha allargato le proprie braccia accogliendo le scelte degli italici giocatori. Affezionati frequentatori del modo ludico che, magari non volendo giocare online, segmento che non regala le stesse sensazioni ed emozioni del gioco terrestre, si sono “buttati” verso quel gioco che legale non è sicuramente, ma sempre presente.

Gioco illegale che, ovviamente, è pronto ad accontentare questo nuovo popolo di giocatori post-Coronavirus che ha tantissimo desiderio di divertirsi con i propri giochi preferiti: quindi, anacronistica scelta la chiusura del gioco fisico quando potrebbe diversamente essere utile per far ripartire l’economia del Paese con le risorse che da sempre è riuscito a riversare nelle casse erariali, che “ne piangono la perdita”. Però, e nonostante la pressante attuale esigenza dei conti di Stato, non si ha il coraggio di far riaprire nell’immediato le tantissime attività terrestri scegliendo di lasciarle chiuse, almeno sino ad oggi 31 maggio, rinunciando alle risorse ipoteticamente ricevibili e, quel che è peggio, lasciando che il posto del gioco lecito venga soppiantato dal gioco d’azzardo illegale organizzatissimo nel prenderne il posto. Più scelta anacronistica di così! Si preferisce scegliere di andare contro gli interessi (statali) per non rivalutare un’attribuzione di rischio medio/alta decisa dal Governo precedente piuttosto che agire “motu proprio”.

Però con l’apparizione delle “zone bianche” non si potranno più trovare scuse e le attività di gioco potranno riaprire senza paura, senza restrizioni e sopratutto senza aspettare il prossimo 1° luglio. E ciò sarà evidentemente un bene poiché si stanno avvicinando velocemente gli Europei di calcio, incontri molto amati dagli scommettitori, e tenere chiuse le agenzie fisiche delle scommesse significherebbe un ulteriore, ed estremamente corposo, regalo all’illegalità che ha nelle scommesse clandestine una fonte di guadagno infinita. E di regali lo Stato, durante gli otto mesi di chiusura del gioco pubblico, si pensa ne abbia fatti davvero tanti ed è una cosa che non ci si può più permettere. Posto tutto questo, e considerato lo stato economico in cui si trovano tutte le attività di gioco, sembra davvero irrinunciabile non aprire in zona bianca: anzi si dovrà assolutamente fare. Perché serve tenere presente che la sicurezza di una Nazione passa attraverso la legalità e l’ordine pubblico: ma sino a quanto la criminalità che gestisce il gioco d’azzardo continua a fare “bello ed il brutto tempo” senza alcun rispetto, la legalità viene purtroppo sconfitta.

La conseguenza che ne deriva, l’insicurezza dei cittadini e la mancata tutela del territorio permettendo all’illegalità di sovrastare la legalità, deve avere fine ed è proprio il momento giusto poiché i dati che l’emergenza sanitaria sta consegnando si possono considerare soddisfacenti e trasmettere un certo ottimismo. Non va perso altro tempo per aprire tutte le attività commerciali restanti, e quindi anche quelle del gioco e le app casino, che non vedono l’ora davvero per riaprire i battenti. Ed anche i giocatori non aspettano altro che ritrovare i propri punti di gioco preferiti e nei quali prima di questa benedetta pandemìa riuscivano a passare qualche ora in leggerezza. D’altra parte, gli esercizi che ospitano il gioco sono pronti da tanto tempo per accogliere la propria utenza: tutti i protocolli sono stati rispettati anche con notevoli sacrifici economici da parte degli addetti ai lavori, e le imprese hanno studiato tutte le strategie possibili per mettere in sicurezza i propri locali, i propri dipendenti ed ovviamente la clientela.

Rinunciare ad aprire per un altro mese le attività di gioco e di casino senza deposito immediato significa “rovinare commercialmente il periodo estivo” sopratutto per quelle location che si trovano nelle zone balneari che sfruttano il periodo estivo congegnale per lo sviluppo del proprio lavoro: infatti, utti conoscono le sale giochi sulle spiagge o comunque nelle realtà turistiche che ospitano intere famiglie durante le vacanze. Sarebbe a quel punto più che anacronistico non soddisfare anche queste richieste di divertimento per aspettare un altro lunghissimo mese di stop: ma poi perché? Si spera che la nuova squadra di Governo guardi anche in questa direzione e non si faccia coinvolgere da retaggi di ostruzionismo così obsoleti che oggi appaiono veramente incomprensibili. Ed in ogni caso il gioco è pronto a ripartire ed obbiettivamente a cosa potrebbe servire aspettare ancora a far rialzare le saracinesche? Che accada in zona gialla od in zona bianca per il mondo dei giochi serve assolutamente ricominciare a lavorare!

Sicuramente, il vedere all’orizzonte le “zone bianche” non può che rappresentare massima gioia per tutta l’industria del gioco e del poker che si trova così di fronte alla “vera possibilità” di poter riaprire le proprie diverse attività dopo così tanta chiusura. Senza avere più restrizioni e rientrando quasi in una certa normalità commerciale che manca da tanto tempo: si desidera riassaporare il piacere di rivedere la propria clientela presso i pronti punti di gioco legali, pronti ormai da tempo a riaffacciarsi sul mercato con il desiderio di stupire i propri frequentatori cercando di riabituarli al divertimento. Purtroppo, sensazione a volte dimenticata durante l’emergenza sanitaria che è riuscita a togliere le cose più semplici e gradite del nostro quotidiano. Quelle abitudini che sembravano più che accreditate a non essere mai eliminate dalla nostra vita e che, invece, ci sono state tolte senza tanti fronzoli da un “microscopico virus” che ha messo in ginocchio l’intero Pianeta.

Data Pubblicazione: 8 Giugno 2021 ore 18:00

SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
legale aams
Visita
gioco digitale casino logo
Gioco Digitale Casino
300 Giri + 500€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
bwin casino logo
Bwin Casino
50 Giri + 200€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
20€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 3000€
legale aams
Visita
william hill casino logo
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita