Tante nuove professioni grazie al mondo del Gioco

nuove professioni grazie al mondo del gioco

Chi crede fermamente che il settore del gioco, compresi i migliori casino italiani, sia un comparto come tutti gli altri “servizi”, ha la convinzione che con lo stesso si possano ricercare e trovare soluzioni lavorative che forse sino a poco tempo fa erano certamente impensabili ed inusitate, ma che con l’espandersi e l’ingrandirsi di questo fenomeno sono “spuntate” nelle sue industrie, legate principalmente alla tecnologia che nel gioco avanza quasi quotidianamente e, quindi,si evolve veramente con ritmi vertiginosi. In modo particolare vengono coinvolti i giovani, che appunto per la loro età sono predisposti verso l’innovazione tecnologica e verso tutto ciò che vi gira intorno: e la conseguenza reale è stata che questa parte della nostra attuale società è riuscita a trovare collocazione nel mondo del gioco d’azzardo, mettendo in atto e sviluppando lavori “un po’ particolari” come il croupier, il direttore di sala giochi, il tecnico di controllo delle apparecchiature da intrattenimento, impegnandosi in questo seriamente e professionalmente.

Senza contare coloro che sono proprio dipendenti dell’industria del gioco, oppure che ne diventano operatori ed addetti ai lavori, credendo nel business del settore ludico andando ad acquisire concessioni rilasciate dallo Stato, diventandone così rappresentanti ed in modo da poter proporre l’offerta del gioco pubblico sul territorio. Inutile sottolineare che questo settore, e particolarmente proprio quello degli apparecchi di gioco, negli ultimi tempi non ha avuto “vita facile” per i noti motivi legati sia alle imposizioni normative in essere che delle Regioni e dei Comuni. Ma le professioni che questo settore comprende si sono sviluppate a largo raggio e con grande soddisfazione: probabilmente, però, tanti soggetti impiegati in questo comparto temono che la loro occupazione possa terminare appunto perché le aziende, sia industriali che commerciali, vengono messe in condizioni di chiudere i battenti perché non riescono più ad avere quegli incassi o quei redditi che possono consentire a qualsivoglia impresa (e di qualsiasi genere) di stare aperta e di reggere i costi del personale che hanno in carico.

Ma posto tutto questo, si vuole ritornare alle professioni diciamo “nuove od alternative” che sono scaturite dal fenomeno del gioco d’azzardo: per esempio nel segmento degli eSports. All’interno di questo mondo sono tante le professioni che vi si collegano: tante e che richiedono competenza e professionalità ma che, sopratutto, devono essere sempre aggiornate. Molto probabilmente chi è già nel settore può avere più facilità di movimento, può anche progredire nella propria posizione lavorativa seguendo corsi come quelli della eSports Academy di Milano. Ma chi invece vuole iniziare da che parte deve cominciare? La figura più affascinante è, senza ombra di dubbio, quella del pro player ma non è da tutti arrivare a competere a certi livelli ed, in ogni caso, è una carriera a breve termine e molto impegnativi. Quindi, converrebbe essere realisti e sviluppare altre competenze magari nel mondo del gaming, indubbiamente più ampio, anche se si può continuare a giocare, inseguendo i migliori risultati e diversi obbiettivi.

Un’altra idea per partire in questo settore, considerato effimero e “basato sul nulla” (almeno a dire dei suoi detrattori), si collega a Roma, all’interno dell’Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei che ha siglato un accordo con AIV, Accademia Italiana Videogiochi, avviando con questo protocollo d’intesa tre percorsi di alternanza scuola-lavoro proprio dedicati al mondo del gaming: programmazione, grafica 3D e Game Design. Certamente, una opportunità per avvicinarsi con serietà ad alcune professioni tra le più richieste da un mercato che nel nostro Paese ha registrato un volume di affari superiore ad 1,5 miliardi di euro e solo nello scorso anno! Altro che mercato effimero e basato sul nulla… Ecco, quindi, che questo Istituto e l’Accademia avviano con la loro sinergia un percorso nell’ambito delle tecnologie per l’interattività ed i videogiochi, proponendo un corso triennale che ha come obbiettivo una alta professionalizzazione. Verranno investiti, per questo progetto che non si esita a sottolineare essere alquanto ambizioso, da parte di AIV più di un milione di euro a fondo perduto per i 180 studenti che seguiranno il triennio e che potranno accedere direttamente al secondo anno di Accademia con l’obbiettivo di portare a termine un percorso formativo che li accompagnerà verso una occupazione quasi certa.

Questa iniziativa si ripeterà ogni anno e vuole dare ai giovani la possibilità di avvicinarsi ad un settore indubbiamente redditizio e che comprende sbocchi professionali enormi. Si è potuto evincere dalle esperienze vissute che l’80% dei programmatori trova occupazione prima ancora della fine del terzo anno di corso. Infatti, attraverso le lezioni settimanali, teoriche e pratiche che vengono tenute dai docenti dell’Accademia, gli studenti acquisiscono le “basi del mestiere”: strumenti fondamentali per essere proiettati nel mondo del lavoro di questo benedetto settore tanto tartassato e demonizzato oltre ogni modo ed a volte, purtroppo, per ignoranza e per mancanza di conoscenza di ciò che può offrire. Nel nostro Paese, evidentemente, si è molto indietro nel recepire il mondo del gioco e non conoscendolo nel profondo si è portati forse “ad averne paura”: fermo restando che come in ogni cosa bisognerebbe averne ed acquisirne la cultura prima di criticare o di “metterlo al bando” come si sta facendo ultimamente proprio con le apparecchiature da intrattenimento e le macchinette slot machine. Ma tant’è.

In ogni caso tutta la filiera del gioco, nessun comparto escluso, può essere portatrice di nuove opportunità lavorative e l’organizzazione del gioco sta facendo passi da gigante, come l’Accademia di cui si sta parlando in queste righe, per consentire ai giovani di avvicinarsi a queste nuove professioni, certamente inusitate ancora per il momento, ma in particolar modo redditizie. Quindi, forse, bisognerebbe sfrondare la mente da tanta poca conoscenza e consentire alla gioventù di aprire le loro ad un mondo tecnologico nuovo che può offrire una buona occupazione ed una buona professione per il loro futuro non disdegnando di sottolineare che, in ogni caso, si parla di professioni molto ben retribuite.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 7 Febbraio 2019 ore 12:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente