Si deve salvare anche il gioco senza vincita in denaro

si deve cercare di salvare anche il gioco di puro divertimento

L’interessamento e la particolare attenzione che l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sta riservando a tutto il mondo del gioco e dei casino online top, in aggiunta all’apertura delle “zone bianche” per la ripartenza delle attività ludiche, non può che riempire di fiducia tutti gli operatori del settore che aspettavano questo “rifiorire” del gioco pubblico. Ovviamente, quando si parla di gioco non ci si deve riferire soltanto al gioco con vincita in danaro, quello perennemente bersagliato dalle normative istituzionali che in questo anno hanno reso la vita piuttosto difficile tutte le sue attività, ma si deve e si vuole parlare anche della parte di puro intrattenimento, comparto anch’esso importante e riservato ai giovani e giovanissimi che lo seguono con estrema attenzione. Probabilmente anche per questo ADM si sta prodigando per cercare di regolamentare meglio il segmento e con le nuove regole amministrative ha fatto salvo il parco macchine in corso d’uso, cosa che può lasciare spazio per nuove opportunità e strategie che gli addetti ai lavori potrebbero crearsi se non verranno sottoposti ad “investimenti obbligati” che in questo periodo sarebbero davvero “inavvicinabili”.

Si può quindi essere più tranquilli, almeno per il momento, poiché gli apparecchi di puro intrattenimento, attualmente in circolazione, potranno continuare ad operare anche con la nuova normativa che riscrive le regole di distribuzione ed omologazione appena entrata in vigore: l’unica eccezione viene applicata alle ticket redemption che continuano a non avere una precisa collocazione, e stazionano di conseguenza in una sorta di limbo del gioco legale, ma situazione che le aveva già viste protagoniste in questo luogo ancor prima dell’emergenza pandemica. ADM con la novità introdotta di ritenere valide le apparecchiature oggi operanti ha voluto accontentare ed accogliere le richieste della filiera, evitando così di peggiorare la situazione del mercato dell’amusement già parecchio sottosopra ed a disagio. Proprio per questo segmento delle ticket redemption, forse, il puro intrattenimento si aspettava qualcosa di più, considerato che ormai da tempo sono state prese di mira da alcune Leggi Regionali e quindi, “meritavano una sanatoria”.

Però per attuare questo sarebbe stato indispensabile l’intervento del legislatore che per il momento non ha intenzione di “muoversi e di legiferare” né per il comparto delle apparecchiature con vincita in danaro (il fatidico riordino nazionale del gioco e delle scommesse), né tanto meno per quello dell’amusement. Anche se l’intervento di ADM, che ha indubbiamente come obbiettivo quello di salvaguardare questo preciso mercato per evitarne la scomparsa, vuole concedere tutta la flessibilità possibile al segmento del puro intrattenimento che, di fatto, rappresenta l’unica vera alternativa al gioco con vincita in danaro. Ma cosa ha fatto di cosi “buono” ADM da meritare tutta questa attenzione? In effetti, le nuove regole per l’omologazione e la distribuzione delle apparecchiature dell’amusement prevedevano il loro ingresso a partire dalla metà del 2021, con la data di cessazione delle norme precedenti relative alla certificazione determinata per l’inizio del 2022: a partire da quella data non avrebbe potuto più avvenire la distribuzione di giochi che non fossero conformati alle nuove disposizioni.

Da qui era nato il “malcontento” (per usare un eufemismo) degli addetti ai lavori che pensavano venissero compromesse le apparecchiature attualmente esistenti sull’intero territorio: tale malcontento era arrivato “alle orecchie di ADM” anche perché rischiava di tramutarsi in un completo disastro per l’intero segmento dell’amusement. Da qui l’intervento dell’Agenzia con l’ultimo provvedimento studiato ed emesso che prevede la possibilità di mantenere il parco macchine esistente, provvedendo soltanto ad aggiornarne i titoli autorizzativi: cosa che rappresenta una prova certa di grande disponibilità di ADM nei confronti dell’intero comparto amusement. Così, per tutti i possessori di apparecchi di puro intrattenimento già conformi, risulterà necessario soltanto dichiararne l’esistenza e l’ubicazione per ottenere il relativo certificato di messa in esercizio. Questo, come detto, con l’unica eccezione di alcuni tipi di giochi che sono stati ritenuti più a rischio e che potrebbero nascondere un loro utilizzo “fraudolento” che avranno, di conseguenza, necessità di una verifica.

Bisogna sottolineare davvero il comportamento di ADM che, con questa mossa forse inaspettata, va a”salvare anche i giochi vintage, come i vecchi arcade” e, comunque gli apparecchi autorizzati prima del 2003: potranno fortunatamente “circolare” i giochi come il vecchio Pac-Man, noto ai meno giovani, ed anche i flipper di buona memoria, apparecchi per i quali era previsto che i nulla osta perdessero la loro efficacia al 31 dicembre 2021. Poi dal 1° gennaio 2022 gli operatori dell’amusement che abbiano in essere queste vecchie apparecchiature potranno, attraverso una particolare documentazione, continuare a goderne l’uso. Però, entro il 31 dicembre 2023 tali apparecchiature dovranno essere sottoposte a verifica tecnica di conformità: ma almeno anche i giochi più antichi potranno avere ancora “lunga vita” e special modo potranno continuare a vivere quelle tipologie di locali di puro intrattenimento che stanno riscuotendo grande successo anche all’estero, denominati i cosiddetti “Bar Arcade”, dove appunto i giocatori più affezionati ai giochi di quel periodo possono trovare ancora “offerte di altri tempi”.

Un’altra novità introdotta sempre per l’amusement è una modifica relativa ad una nuova “forma di licenza per ambienti dedicati al puro intrattenimento”. Recentemente infatti, per aprire una sala giochi con apparecchiature da divertimento ed intrattenimento automatiche od elettroniche, oltre ai biliardini flipper o juke-box era necessario ottenere una licenza ex art.86 con la quale, in pratica, veniva concessa anche la possibilità di installare new slot. Con la nuova disposizione di ADM, invece, andranno ad aggiungersi ai bar, ristoranti, stabilimenti balneari ed altro anche gli esercizi “dediti al gioco con apparecchi senza vincita in danaro”: così i rispettivi titolari potranno dichiarare di esercitare nei propri locali esclusivamente il gioco di puro intrattenimento, uniformandosi a quegli esercizi che non vogliono ospitare slot all’interno dei propri ambienti, richiamando così il famigerato “bollino no slot” che ha fatto tanto discutere su alcuni territori.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 21 Giugno 2021 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente