Le grandi polemiche sui tradizionali vecchi giochi

sterili polemiche sui tradizionali giochi italiani come il calcio balilla ed il biliardino non portano a niente

In questi ultimi giorni si parla tantissimo dei “tradizionali vecchi giochi” da spiaggia e, per individuarli ancor meglio, si spiega che si parla del biliardino, o calcio-balilla, del ping pong, delle freccette e delle giostrine per i più piccoli.

Ma quando si parla di questa categoria di giochi senz’altro il biliardino è quello più conosciuto e quindi chiamato in campo a rappresentare la sua squadra che è comunque seguita da tanti giovani e giovanissimi che, particolarmente nel periodo estivo e sulle spiagge, tende ad usare tali prodotti anziché i giochi da PC.

Così, con il caposquadra in testa, si è pensato di “festeggiare” la nuova dispositiva che è in arrivo da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e che attesterà che questi giochi tradizionali non saranno soggetti alla certificazione che sino a poco tempo fa risultava indispensabile.

Di questo argomento, oltre che sui casino online ADM, se ne è parlato parecchio, in modo particolare da parte di alcuni Gruppi di operatori impegnati nel gioco senza vincita in danaro che si sono opposti “violentemente” alle nuove normative di ADM che avrebbero dovuto coinvolgere i loro apparecchi.

Le tante voci che si sono alzate “contro” il provvedimento di ADM che, di fatto, andava ad accomunare, purtroppo come accade spesso gli apparecchi di puro intrattenimento con quelli con vincita in danaro, cosa che gli addetti ai lavori dell’amusement continuano a rifiutare, hanno sortito esito positivo ed anche per un intervento inatteso da parte della politica che è riuscita ad inserire in un PNRR la norma che esime dalla certificazione richiesta dall’Agenzia i prodotti di gioco elencati nelle prime righe di questo articolo e che hanno creato una sorta di squadra con a capo il biliardino come vessillo di questa “opposizione formale” presentata e portata avanti dall’intrattenimento.

Così, in attesa di avere la certezza che tutto si svolga nella normalità e di essere “ritenuti liberi” da qualsiasi obbligo certificativo il Presidente del Sindacato Italiano Balneari ha lanciato una “simpatica sfida” al Premier Draghi per una partita a biliardino nella quale ci si augura, ovviamente, che vinca il migliore!

E nel contempo, per fare in modo che i “vecchi giochi” non vengano lasciati nel dimenticatoio si vuole organizzare in tutte le spiagge italiane il “Biliardino day”, giornata nella quale biliardino, freccette, ping-pong e giochi di società saranno offerti gratuitamente ai clienti degli stabilimenti balneari supportati dallo slogan “Lascia il telefonino, gioca a biliardino” che per la prossima estate si è certi diventerà un mantra, oppure un tormentone estivo, che seguirà il prossimo periodo vacanziero nelle riviere così frequentate da giovani lungo tutto il nostro Stivale.

D’estate si “deve” dimenticare cellulare, tablet e qualsiasi altro strumento tecnologico e rituffarci a frequentare “tradizionali giochi” che di vecchio non hanno proprio nulla visto il vasto popolo di giocatori che ha seguito questa kermesse sviluppatasi tra il puro intrattenimento, la politica e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: ADM che “sotto tiro incrociato” tra politica, media ed opinione pubblica, non ha potuto che acconsentire a rendere effettiva l’esistenza di questi giochi sulle spiagge non coinvolgendoli in procedure che “toglierebbero il sonno a chiunque”.

Procedure oltre tutto burocratizzate all’inverosimile e che porterebbero via tempo prezioso e che graviterebbero anche sui portafogli degli addetti ai lavori. Il “Biliardino day” si festeggerà, in pratica, esattamente la domenica successiva all’espletamento da parte di ADM dell’esenzione della certificazione ed omologazione in precedenza imposta agli apparecchi senza vincita in danaro che, una volta tanto, risulteranno essere vincitori in una kermesse con le normative imposte dall’Agenzia.

Ma ci vuole sempre una prima volta nella vita, od almeno così si dice, e proprio per questo si vorrà festeggiare tale prima piccola vittoria con un intrattenimento ancor più sentito e condiviso con il popolo di giocatori composto da giovani e diversamente giovani che hanno espresso con gioi la propria soddisfazione per il raggiungimento di questo traguardo.

Infatti, oggi si può dire che i giocatori in generale si sono finalmente resi conto che esiste anche il comparto del puro intrattenimento che ha ragione di essere rappresentato con questi giochi.

D’altra parte, il gioco senza vincita in danaro, è nato per intrattenere “senza pensieri” tutti coloro che vogliono trascorrere qualche ora in leggerezza senza il cruccio di dover correre il rischio di perdere qualche moneta, per poca che possa essere.

Quindi, testa e portafoglio libero da qualsiasi condizionamento, entrambe cose da portare avanti con orgoglio e con tanta caparbietà, ma che possono far riconoscere la voglia di esistere di queste imprese, ed anche di questi “vecchi giochi”, le cui voci risultano spesso non ascoltate.

Così, con il primo evento nel suo genere nel nostro territorio, il “Biliardino day” farà da spartiacque verso un riconoscimento più forte del mondo dell’amusement e farà incontrare gratuitamente tutti coloro che vorranno “provare” anche questi giochi che non hanno nulla da invidiare, quanto a divertimento ed a socializzazione, ai giochi più moderni come videogiochi, od addirittura confrontandosi con quello con vincita in danaro come slot e VLT che però fanno parte decisamente “di un altro mondo”.

La stessa giornata di festa andrà, però, anche a sottolineare la richiesta di detassazione di questi giochi, cosa che deve essere ben chiara e sempre sostenuta dal suo comparto: non si possono applicare tasse “costose” a dei giochi che hanno già un costo importante alla loro base ed un tornaconto economico decisamente basso.

Diversamente per quello che accade per le apparecchiature con vincita in danaro che pur avendo le loro problematiche e le loro criticità, vivono indiscutibilmente un percorso verso il loro popolo di giocatori ben diverso e più remunerativo anche se devono preoccuparsi di fronteggiare senza dubbio spese di gestione per quegli apparecchi estremamente impegnative.

Inoltre, il “Biliardino day” sostenuto dal suo slogan tenderà ad incentivare i giovani all’uso di questi giochi tradizionali che favoriscono il ritorno alla manualità compromessa dall’era del digitale: quindi i circa 30mila stabilimenti balneari avranno l’impegno di difendere e salvaguardare la vacanza italiana per antonomasia fatta anche di giochi di società tradizionali che non devono perdere assolutamente il “loro sapore e la loro apprezzatissima tradizione”.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 14 Luglio 2022 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente