Las Vegas e poker: WSOP aperte solo ai vaccinati

wsop di poker a las vegas usa saranno aperte solo ai vaccinati

Per chi ancora non lo sapesse, e quindi si crede che siano davvero pochi, i Paesi del cosiddetto trattato di Schengel in Europa sono, tra gli altri Francia, Germania, Italia, Spagna Svizzera e Grecia. Ad aggiungersi alle riaperture si trovano anche Gran Bretagna, Irlanda, Cina, India, Sud Africa, Iran e Brasile.

E perché si parla di questa “lista” così particolare? Esclusivamente perché in queste righe si vuole parlare della strana ed inaspettata apertura delle frontiere degli USA che ha segnato un cambiamento brusco e repentino per l’Amministrazione del Presidente Biden che aveva affermato, solo recentemente, che non era il momento giusto per revocare le restrizioni per gli USA visto anche l’incalzare dei contagi che sta creando non pochi pensieri e senz’altro qualche preoccupazione.

Ma all’orizzonte si stanno stagliando le Word Series of Poker e, quindi, dispiacerebbe che questo evento internazionale, di così forte appeal, non venisse onorato dalle tante presenze da ogni parte del Mondo, come accade di consuetudine.

Questa apertura “quasi globale” è stata annunciata dal coordinatore della lotta al Coronavirus della Casa Bianca, Jeff Zients, decisione che non è passata sotto silenzio, ma anzi che ha creato un vespaio di polemiche.

La chiusura delle frontiere degli USA ha “quasi obbligato” tanti suoi estimatori a sfruttare alcuni “sotterfugi e particolari triangolazioni” per entrare in quella realtà territoriale: tutte cose che hanno fatto comunque nascere dibattiti che hanno “lasciato il tempo che hanno trovato” e che sono serviti anche negli USA a riempire programmi televisivi e ad impiegare i soliti “espertologi” che, come accade spesso anche nel nostro Paese, ad un qualsiasi nuovo avvenimento proposto od imposto dal Governo di Mario Draghi, si esprimono con “tanta aria fritta” che non fa altro che creare confusione su confusione.

Quindi, si può dire che per quanto riguarda lo svolgimento di programmi o di discorsi, anche di quelli che riguardano proprio il mondo dei giochi e dei casino con slot machines, ogni mondo è Paese, anche se qui si sta parlando di un evento estremamente importante e rappresentativo per tutto il gioco.

Novembre è senz’altro prossimo ed, infatti, le WSOP sono un richiamo al quale i professionisti del poker rinunceranno, se costretti, a fatica. Ma anche perché indotti a questo dalle tante restrizioni che verranno applicate durante l’evento.

In ogni caso, tanti si stanno organizzando per entrare negli States e tanti sono già riusciti ad entrare: è evidente che se i voli diretti venissero autorizzati, oppure se sarà possibile partire direttamente dall’Italia, sarebbe molto più scorrevole e senza dubbio meno impegnativo psicologicamente (ed anche praticamente).

Quindi, prendendo per realistica l’apertura delle frontiere e l’allentamento delle restrizioni di viaggio dal prossimo novembre e ciò riguarderà la maggior parte dell’Europa aggiungendo Cina, Brasile e India, ci si potrà recare negli Stati Uniti muniti della prova della vaccinazione completa o di un tampone negativo entro 72 ore dalla data del viaggio.

Serve ricordare che tuttora chiunque intenda trasferirsi negli USA deve trascorrere prima almeno 14 giorni in alcuni Paesi come il Canada od il Messico: ma sono tanti coloro che non intendono sottoporsi a questo “ricatto” per le troppe spese da sostenere.

A tutt’oggi non si conosce, però, la data esatta di novembre per questa inaspettata “apertura alle persone vaccinate”: ciò rappresenta una forte complicazione poiché l’accesso dei giocatori che andranno a partecipare alle WSOP, e la loro relativa registrazione tardiva, si chiuderà il 9 novembre prossimo alle 15,40.

Non bisogna dimenticare che negli Stati Uniti, già dalla Presidenza Trump, era cominciato il periodo restrittivo che, per la prima volta, era stato imposto ai viaggiatori via aerea provenienti dalla Cina nel gennaio 2020: provvedimento esteso a dozzine di altri Paesi senza alcuna apparente motivazione, senza “tempo” e senza termine.

Quindi, allora ci fu una tremenda complicazione anche nei rapporti internazionali: poi con l’arrivo della Presidenza Biden si è ritenuto rimuovere severissime restrizioni ai cittadini italiani e, nel caso della partecipazione alle WSOP, anche ai nostri players che sono molto considerati a livello internazionale.

Chi ancora ci legge sa che tempi addietro si è parlato delle WSOP di novembre con tante perplessità che si rincorrevano sopratutto per le restrizioni che si sarebbero applicate all’interno dell’evento: tanti giocatori non apprezzavano le tante limitazioni che avrebbero dovuto affrontare per parteciparvi, oltre ad un certo costo per le spese accessorie che avrebbero dovuto sostenere.

Era stato argomento di discussione e di riflessioni poiché tutto questo sembrava davvero snaturare un evento così importante a livello internazionale, ma è evidente che anche se le WSOP sono importantissime per tutti i players era evidente che avrebbero dovuto sottostare, purtroppo, a tutte le limitazioni imposte al mondo del gioco d’azzardo in tutto il Pianeta ed, ovviamente, non potevano sottrarsi alle regole applicate per tutti.

Senz’altro, sarebbe stato peggio che l’evento non avesse potuto svolgersi poiché andava a significare che la pandemìa, e tutto ciò che porta con sé, avrebbe avuto la meglio sulla voglia di partecipare ad un simile “gioco”.

A volte si deve riflettere che sono colpite dalle restrizioni sia le piccole e medie imprese, oppure le manifestazioni di minore importanza che raccolgono l’industria del gioco e pareva impossibile che venissero coinvolte anche le WSOP che come già detto sono di richiamo internazionale e che muovono parecchi interessi in vari settori, ed ovviamente non solo quello dei giochi e delle scommesse come si può ben immaginare.

Però pare che oggi, senza “vendere la pelle dell’orso prima di averlo abbattuto” si possa guardare al futuro del mondo dei giochi con una certa qual fiducia e speranza.

Infatti, proprio l’evento delle WSOP, che potranno essere raggiunte con maggiore facilità ed indubbiamente con meno impegno economico che “un diverso giro del Mondo indiretto per potervi arrivare” lasciava intendere, riesce a farci intravedere davvero che ci si sta riappropriando del proprio futuro e che bisogna cogliere anche questa occasione e queste variazioni di atteggiamento da parte degli Stati Uniti come un nuovo gusto per un domani del gioco che ricomincia ad essere estremamente gradevole.


Contenuto a Cura di

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestLinkedInScrivi una Email

Vanessa Maggi è la nostra Giornalista di punta che coordina e scrive per la redazione di Casinoonlineaams.com. Spinta da una grande passione per il mondo dei giochi su internet, ricerca sempre notizie legate al mondo ludico per farti stare informato su tutto quel che riguarda questo mondo. La sua passione per questo lavoro è davvero invidiabile. La contraddistingue una grande tenacia nella ricerca della verità.

Pubblicazione: 14 Ottobre 2021 ore 18:00

Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
JackpotCity Casino
JackpotCity Casino
100% Fino a 600€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 200€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente