Il gioco legale è ancora fortemente amato in Italia

Pubblicazione: 14 Febbraio 2019 ore 12:00

gioco legale amato in italia

Mentre si continua “a dare contro al gioco lecito ed ai casino online legali”, apparentemente, non si guarda bene a quello illegale che, ahimè, gli italici giocatori conoscono molto bene, almeno secondo il 31° rapporto di Eurispes che segue il mondo del gioco ed i suoi “partecipanti”.

Secondo questo rapporto, nel nostro Paese ben tre italiani su dieci spende danaro per giocare e di questi, la metà spera “nel bacio della Dea Bendata e di svoltare la vita” a mezzo di una cospicua vincita: tre italiani su dieci cercano e partecipano ai giochi con vincita in danaro, una percentuale che si potrebbe concretizzare in un 28% circa, suddiviso nella parte maggiore in coloro che giocano solo dal vivo ed il resto in una piccola percentuale che gioca online ed il restante che lo fa in tutti e due i modi.

Ma per collegarci alle righe iniziali del nostro articolo, e prima di passare ad un resoconto delle scelte e delle perplessità degli italici giocatori, si deve rilevare che oltre sette italiani su dieci non hanno diretta od indiretta conoscenza dell’esistenza di circuiti di gioco illecito, ma oltre un quinto (e qui la percentuale non è da sottovalutare poiché si attesta su di un 22,3%) ne è a conoscenza, ma non vi partecipa per scelta.

Il Gioco illegale è ancora troppo conosciuto

Nell’insieme si può dire che un cittadino su quattro, ma non necessariamente deve essere un giocatore, conosce il mercato dei circuiti illegali.

Leggi
Gioco d'azzardo: Occhio ai creatori di prodotti digitali

Da questi dati relativi al circuito illegale forse si può “tranquillamente” dire che la presenza sul mercato esiste, ma non è seguita da una parte importante anche se, ma solo secondo chi scrive, questo rapporto non tiene presente delle ultime limitazioni imposte al gioco lecito che stanno, purtroppo, spingendo notevolmente il giocatore verso la rete non consentita, pericolosa ed incerta, sopratutto per il pagamento delle vincite che nel circuito illecito a volte è “rischioso”.

Considerazioni che si devono fare

Un’altra considerazione che si può fare leggendo il rapporto Eurispes, e che può forse farci riconciliare con l’estremizzazione che viene data in pasto all’opinione pubblica relativamente al numero dei soggetti che cadono nella rete del disturbo da gioco d’azzardo, è che più dell’8% degli utenti gioca per occupare il tempo libero, quasi il 5% gioca per “tradizione familiare” e più del 5% lo ricerca per “il brivido del gioco”: la stessa percentuale dichiara di volersi misurare con le macchinette slot machine da bar per mettere alla prova la propria abilità ed il 3,3% spera di vincere una cifra consistente anche per aiutare chi ne ha bisogno.

Per finire con queste percentuali si vuole chiudere con una riflessione: alcuni giocatori, sopratutto queli che frequentano i siti migliori di casino online legali con slot, si rendono conto a volte di giocare troppo. Ma qual’è il rapporto tra gli italiani ed il gioco? Come detto all’inizio tre italiani su dieci partecipano ai giochi con vincita in danaro.

Tra i 35-44 e gli over 65 esistono le più alte percentuali di non giocatori. Dai 45 anni in su sono più numerosi della media coloro che giocano dal vivo: dal 18 ai 34 anni si trova la quota più alta di giocatori sia dal vivo che online.

Leggi
La legge delega sul gioco per coprire le criticità

Le percentuali più elevate di giocatori si trovano al sud ed al centro mentre nelle isole si trova particolarmente il “giocatore online”. Si sa ormai che il gioco più ricercato, gradito e praticato è il Gratta&Vinci, seguito dal Lotto e SuperEnalotto, dalle lotterie, le scommesse sportive.

Quello che è certamente la prima motivazione che “spinge” taluni verso il gioco è la speranza di una grossa vincita, seguita dalla ricerca del danaro facile (che potrebbe “sostituire” il lavoro difficile) e, successivamente, la ricerca del divertimento.

Aumento esponenziale per la spesa dedicata al Gioco

D’altra parte il volume del mercato del gioco in Italia, nello scorso 2017, si è attestato attorno ai 102 miliardi di euro: quasi sette volte quello del 2003, e si vuole sottolineare che il volume indicato si riferisce alla raccolta e non alla spesa.

E per fare anche un paragone con gli altri Paesi si può dire che gli italiani giocano circa il doppio dei francesi e quasi il triplo dei tedeschi.

La conseguenza del volume del gioco è un “forte guadagno” per la finanza pubblica, considerando che l’importo delle risorse che può recuperare dal gioco è di circa 10 miliardi di euro, mentre il costo per il popolo italico, e quindi la spesa, è di circa 19 miliardi di euro, mentre il settore delle imprese, sempre per lo scorso anno,ha potuto “contare” su 8,6 miliardi di euro.

Un argomento importante che riguarda il gioco è cosa ne pensano “veramente” gli italiani: tutti dicono la propria opinione come la politica, i media, le istituzioni, il Governo centrale.

Leggi
Legge Delega sul Gioco: Partita in quarta e poi dimenticata

Come i cittadini vedono il Gioco

Ma ai cittadini è stato chiesto direttamente cosa ne pensino del settore ludico, della pubblicità che a volte può risultare noiosa ed asfissiante (ma non lo è forse per i materassi, per i detersivi, per gli spettacoli di cucina)? Certamente, la pubblicità è un argomento difficile, da prendere con le pinze perché può influenzare decisioni ed anche cambiare punti di vista: ormai, ci si è quasi disabituati a pensare con la propria testa ed a farci un’opinione diretta su un certo argomento, cercando notizie ed informandoci in modo indipendente.

Quindi, rimane un argomento che divide l’opinione pubblica: una parte è contraria alla pubblicità di Stato del gioco lecito poiché ritiene non sia giusto promuoverlo, mentre l’altra parte è dell’opposta opinione.

In particolare, chi è contrario alla pubblicità lo giustifica perché ritiene che anche il gioco possa creare dipendenza, lecito o meno: coloro che, invece, sono favorevoli lo ritengono un buon modo per scoraggiare il gioco illecito ed anche perché può servire ai giocatori nella scelta di un prodotto più consono e meno pericoloso, quindi, più tutelato e garantito.

 

Gioco Responsabile e Sicuro

Sito Ufficiale ADM


Casino Recensione Visita
Snai Casino
Snai Casinò
15€ Gratis + 1.000€
Visita
JackpotCity Casino
JackpotCity Casinò
170 Giri + 1.200€
Visita
Betway Casino
Betway Casinò
200 Giri + 1.500€
Visita
Leovegas Casino
LeoVegas Casinò
250 Giri + 1.500€
Visita
888Casino
888Casinò
20€ Gratis + 1.000€
Visita
Betflag Casino
BetFlag Casinò
5.000€ Gratis + 5.000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casinò
500 Giri + 1.000€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 2.000€
Visita
Big Casino
Big Casinò
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casinò
400 Giri + 1.000€
Visita
Netbet Casino
NetBet Casinò
10€ Gratis + 600€
Visita
Pokerstars Casino
PokerStars Casinò
500 Giri + 500€
Visita
Sisal Casino
Sisal Casinò
100% Fino a 5.250€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casinò
50 Giri + 200€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casinò
50 Giri + 1.000€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casinò
500€ sul 100%
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente

 

Contenuto a Cura di

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

XFacebookLinkedInThreads

PinterestBehanceScrivi una Email

Vanessa Maggi è la nostra Giornalista di punta che coordina e scrive per la redazione di Casinoonlineaams.com. Spinta da una grande passione per il mondo dei giochi su internet, ricerca sempre notizie legate al mondo ludico per farti stare informato su tutto quel che riguarda questo mondo. La sua passione per questo lavoro è davvero invidiabile. La contraddistingue una grande tenacia nella ricerca della verità.