Gli Esports rappresentano il futuro dei giochi?

esports futuro del gioco mondiale

“Ci piace” continuare a parlare di eSports perché “ci piace” parlare del futuro dei giochi ed anche di quello dei migliori siti italiani di casino: e, senza ombra di dubbio, gli eSports sono i migliori suoi rappresentanti. Sono sempre di più gli affezionati che seguono le sue manifestazioni e gli incontri: ma chi sono gli appassionati di eSports in Italia? È un pubblico in prevalenza maschile con un livello di istruzione medio-alto e di età compresa tra i 21 ed i 30 anni (quindi giovanissimo), ma anche con una “discreta partecipazione” tra i 31 ed i 40 anni: la presenza nelle regioni meridionali e nelle isole è considerevole (quasi il 37%). I fan dedicano circa 5 ore alla settimana per seguire gli eventi di eSports ed i principali altri loro interessi, al di là degli eSports sono il cinema e la musica. Quasi l’80% dei fan segue con passione gli eventi per divertimento e per passare il tempo, mentre una buona percentuale “mira” a migliorare la propria abilità, seguendo le performance dei giocatori professionisti. Si può affermare che gli appassionati a questa novità sportiva sono il 20% in più rispetto ad un rapporto precedente Aesvi-Nielsen: Aesvi è l’Associazione che rappresenta l’industria dei videogiochi.

Una “precisazione” che va fatta, per cronaca, è che gli appassionati di eSports si chiamano “avid fan”, oppure “esports fan” coloro che dichiarano di seguire un evento più volte alla settimana. Messi in luce questi dettagli, si prosegue agganciandoci al nuovo rapporto sugli eSports in Italia realizzato sempre da Aesvi ed in collaborazione con Nielsen. Da questo rapporto emergono cifre “assurde” (in senso positivo ovviamente). Sono ben 350mila le persone che seguono nel nostro Paese gli eSports e questa utenza si allarga sino a 1.200.000 persone se si considerano anche coloro che dichiarano di seguire un evento eSports più volte la settimana. Tutto ciò conferma, assolutamente, che i dati di questo fenomeno sono in crescita esponenziale e questo non può che fare piacere poiché, inizialmente, non ci si poteva neppure lontanamente immaginare questo successo. Il gioco aveva ed ha bisogno di una “ventata di aria fresca” e quest’ultima… sta senza dubbio arrivando ed anche con forza e potenza!

La presentazione di questo rapporto sugli eSports in Italia è stata una bella occasione per far incontrare i principali operatori del settore e discutere, anche, delle tendenze di questo mercato e di quello che può riservare il futuro: sono intervenuti personaggi a livello mondiale che si sono espressi sul rapporto e che lo hanno raffrontato con altri mercati internazionali. Sono state scambiate esperienze da parte di operatori esteri e confrontate con quelle raggiunte dal nostro mercato: forse, esperienze ancora “nuove” per quest’ultimo, ma che lasciano il “cuore aperto” ad un ottimo futuro per un nuovo comparto che sta raccogliendo sempre più affezionati e “seguaci”. Da queste esperienze è emerso che nell’ultimo anno si è assistito, nel nostro Paese, ad una maggiore professionalità grazie al consolidamento di alcuni dei principali protagonisti di questo settore: ma in modo particolare vi è stata crescita professionale negli organizzatori di eventi e dei team.

Così, si è raggiunto un alto livello di spettacolo anche nel nostro Paese e nonostante questo segmento del gioco del futuro in Italia non abbia ancora raggiunto i livelli di interesse che, invece, ha suscitato in altri Stati dove gli eSports sono “più avanti” nel mercato e, quindi, più seguiti che sul nostro italico territorio. Il Presidente di Aesvi ha sottolineato, con estrema soddisfazione, che lo “spettacolo particolare degli eSports” si è concretizzato a partire dalla Milano Games Week con il padiglione dedicato proprio agli eSports e con la rassicurazione circa l’interesse che questi ultimi suscitano è stato creato un osservatorio permanente sul fenomeno del gaming competitivo. Osservatorio creato in collaborazione con Nielsen per avere concretamente un punto di osservazione privilegiato sulla sua evoluzione. É chiaro che sia Aesvi che Nielsen vogliono far passare il messaggio che intendono dare un “pesante” contributo allo sviluppo dell’ecosistema degli eSports in Italia, impegnandosi proprio in prima linea: l’obbiettivo è quello di rendere sempre più presente, importante e competitivo il mercato del nostro Paese a livello internazionale.

Certamente, sono buoni “propositi commerciali” e ottimi “sguardi verso il futuro di questo segmento di gioco, anche se nel nostro Paese gli eSports non sono ancora seguiti come accade in altre realtà che li trova, invece, ai primi posti di gradimento. Ora, dopo queste riflessioni commerciali e di conoscenza sul popolo degli eSports, “ci piace” anche curiosare sulle preferenze effettive e quali siano i generi di videogiochi più seguiti: al momento risultano essere quelli sportivi e MOBA (Multiplayer Online Battle Arena) e completano, poi, il podio gli RTS, Real time Strategy. In questa classifica alquanto strana si alternano, con varie percentuali che spaziano tra il 47% ed il 34%, altri titoli come FIFA, Call of Duty e League of Legends che sono tra i più seguiti.

Si dà uno sguardo anche agli strumenti utilizzati per la fruizione degli eventi di eSports: Personal Computer per il 62% degli affezionati e smartphone per il 45% ed è inevitabile che dai dispositivi usati si passi alle piattaforme che vengono preferite per videogiocare con gli eSports. L’81% gioca su smartphone, il 77% su consolle ed il 76% su computer. Gli eSports fan, di cui si è parlato all’inizio di questo articolo, possiedono più di due account attivi tra tutti i servizi online e le piattaforme più usate dagli avid fan sono: PlayStation Plus, Stean e Twitch Prime con percentuali, rispettivamente, del 30%, del 22% e del 21%. Per chiudere questo nuovo “panorama del mondo degli eSports” ci si deve chiedere quando e dove si parla oggi di eSports: in Italia dal gennaio 2018 risulta in costante aumento il volume delle discussioni che riguardano appunto gli eSports sul web, quindi blog, forum, news, Facebook, Twitter, YouTube, Instagram e Reddit con una media mensile di 90.500 post appunto nello scorso anno: il volume totale di buzz sempre nello scorso anno si è attestato quasi sugli 1.3 milioni di contenuti.

Maggio 28, 2019: •
SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Betway Casino
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
10€ Gratis + 1200€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
titanbet casino logo
Titanbet Casino
20€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
32red casino logo
32Red Casino
10€ Gratis + 160€
legale aams
Visita