Gioco Online: Serve la presenza di Siti sicuri ed affidabili

siti sicuri per debellare siti illegali online

Si è stati costretti spesso a parlare tantissimo delle attività terrestri che non stanno vivendo il loro periodo economico migliore anche indipendentemente dall’onda lunga della pandemìa, a volte dimenticandoci di parlare del mondo del gioco online che ha subito un’evoluzione inattesa e che continua ad “essere usato e scelto” dagli assidui frequentatori del gioco.

Purtroppo, l’online è “spazio illimitato, sconfinato, incontrollabile” che sta creando tanti grattacapi sia ad ADM che ai concessionari legali del gioco online che si trovano a dover lottare con una concorrenza illegale davvero oppressiva. dovendo anche fare i conti con la poca presenza in rete dei concessionari che rischiano addirittura di diminuire in vista di un eventuale bando che si sta aspettando da così tanto tempo che se ne è perso addirittura il conto!

Questa osservazione, l’eventuale diminuzione del numero delle concessioni online, si spera arrivi alle istituzioni che dovrebbero dopo l’evento del riordino del gioco provvedere ai bandi di gara tenendo presente che anche ADM teme e non poco la loro diminuzione.

Ciò è motivato dal fatto che i siti illegali continuano ad aumentare mettendo veramente a rischio il gioco legale a distanza che fa fatica a competere con le loro offerte. L’operato della stessa Agenzia nel contrasto ai siti illegali del gioco online è stato ottimo e preciso, ma risulta indiscutibilmente indispensabile arrivare al riordino del sistema gioco e rivedere completamente il bando delle sue concessioni.

Il pensiero che si evince da queste parole è condiviso dai più importanti rappresentanti degli operatori del gioco a distanza che se da un lato tendono a ringraziare l’operato sin qui messo in campo da ADM dall’altro tendono ad avvisare che un’eventuale diminuzione delle concessioni creerebbe un grave danno per il gioco legale che non può e non riesce a competere con i siti illegali che ovviamente sono privi di qualsiasi pagamento erariale, non devono sottostare alle innumerevoli “restrizioni” indicate per il gioco legale e che, quindi, riescono a proporre offerte che davvero “non si possono rifiutare”.

Si deve aggiungere anche “la ciliegina sulla torta” rappresentata dal divieto della pubblicità ai giochi con il quale si impedisce ai giocatori, sopratutto quelli inesperti e nuovi del mondo dei giochi, di riconoscere se navigano su di un sito legale od uno che non lo è affatto: forse, la cosa più grave di tutto ciò che oggi circonda il settore che non riesce a mettersi in riga e che di certo non convive bene con questo divieto totalitario che sta creando più guai che salvaguardare le persone dal gioco problematico.

Urge un ripensamento totale sulla riforma del gioco, divieto di pubblicità incluso: andrebbe senz’altro fatto se si vuole continuare a mantenere un settore ludico che può essere concorrenziale non solo con il gioco estero, ma anche e sopratutto con il gioco illegale a distanza che sfruttando il fatto che gode della poca tracciabilità dei siti e della difficoltà di arrivare a monte di queste piattaforme, lavora indisturbato raccogliendo introiti senza dubbio elevati “in barba al gioco legale online”.

Gioco online che, purtroppo, non può far altro che stare a guadare la sua diretta concorrenza sleale che si allarga e guadagna sempre di più e con la quale la legalità non può veramente competere, pur avendo dalla sua parte la creatività dei propri tecnici che offrono sempre più giochi “appetitosi”: ma le offerte che può mettere a disposizione l’illegalità sono inavvicinabili.

Per aiutare il gioco legale online sembra anche “non servire” il valido aiuto di ADM che soltanto nello scorso anno ha fatto inibire ben 197 siti web: questo numero rappresenta più del doppio dell’attuale numero dei siti ufficiali e quasi il quadruplo del quantitativo previsto nell’eventuale emanazione del nuovo bando di concessioni.

È del tutto evidente che se ciò accadesse davvero, il gioco online legale si troverebbe a “lottare” con una forza commerciale decisamente superiore e difficilmente ne riuscirebbe vincitore, cosa che dovrebbe preoccupare le istituzioni prima di prendere decisioni che si potrebbero “ritorcere” nei confronti della legalità.

Sarebbe importante comprendere, sopratutto da parte dei detrattori del gioco, che avere più siti legali non significa di certo “spingere verso il gioco compulsivo”, serve esclusivamente ad avere più gioco legale presente e mettere in condizione i giocatori di avere prima di tutto la scelta legale di fronte e di non dover “quasi per forza” confrontarsi con quella illegale poiché più accattivante!

Dunque, ciò che serve è avere una presenza più “forte” per poter resistere legalmente ad un’illegalità che va combattuta con tutte le forze come di fatto sta facendo ADM con i suoi funzionari e gli uomini e le donne della Finanza che lavorano davvero alacremente per riuscire a rintracciare “la base” di questi siti che si spostano in continuazione e riescono ad essere rintracciati con estrema fatica.

Proprio a questo dovrebbe pensare il nuovo Governo e rivedere il programma della diminuzione delle concessioni subordinandolo prima di tutto al tanto annunciato riordino dell’intero settore.

Quindi ci si potrebbe attendere una garanzia della “vita” delle 95 concessioni in essere che devono sperare che le “regole del gioco cambieranno” altrimenti si troverebbero a lottare davvero contro un “impero enorme di illegalità” difficilmente contrastabile.

Ciò che l’industria del gioco evidentemente si attende è conoscere quali saranno le nuove regole ed il nuovo bando per poter decidere se investire o meno in nuove concessioni. Come spera che nel futuribile riordino del gioco si metta una lente di ingrandimento sulle misure per contrastare il gioco dei minori, il riciclaggio di danaro ed il gioco problematico: interventi che in virtù della tecnologia ed a standard stringenti si riesce a fare nel gioco legale a distanza.

E qui si ritorna a parlare del divieto della pubblicità che è stato messo in campo per inseguire una bandiera politica di un certo Movimento ed è stato imposto all’intero settore senza arrivare a contrastare ciò che avrebbe invece dovuto raggiungere, ma creando invece un dissesto economico senza fine: e proprio per queste considerazioni andrebbe quanto meno “rivisto nei suoi punti proibizionistici”.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 25 Novembre 2022 ore 14:11
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente