Gioco d’azzardo: Importante la responsabilità sociale

gioco azzardo in italia deve essere responsabile socialmente

La pandemìa, con tutte le sue gravi conseguenze sia nei confronti dei cittadini che delle imprese, ha portato con sé inevitabilmente tantissimi cambiamenti: tanti senza ombra di dubbio negativi poiché l’emergenza sanitaria prima e quella che ancora si sta vivendo, economica, poi che ha distrutto tante piccole imprese con il conseguente licenziamento dei propri dipendenti. Sono cambiamenti che tanti non avrebbero sicuramente voluto vivere: ma questo è successo e con questo ci si deve confrontare per essere in grado di ripartire. Il mondo dei giochi, casino italiani compresi. fa parte di quella serie infinita di attività (ritenute) “non essenziali” che sono state emarginate dalle diverse aperture e chiusure a ripetizione e che hanno subito il maggior numero di giorni di lockdown: non essenzialità che già dall’inizio non ci ha trovati d’accordo, anche se ciò sicuramente è soltanto il nostro stretto parere, e quindi veramente di poco conto, perché questa definizione e questa valutazione ha trascinato la legalità in un angolo dando invece ampio spazio e potere economico al gioco illegale gestito, come ben si sa, dalla criminalità organizzata.

Ormai, dopo il periodo buio per tutti quasi lasciato alle spalle, almeno per il momento, si è arrivati alla riapertura di quasi tutte le attività dei diversi settori, quindi compreso anche quello del gioco d’azzardo, che oggi si deve confrontare con una innovazione ed una crescita che deve affrontare per adeguarsi al cambiamento sostanziale del nuovo mercato. Quindi, sviluppo dell’automazione nella fruizione dei contenuti, innovazione tecnologica di tutte le imprese del settore, quanto meno di quelle che se lo potranno permettere per “rimanere in gioco”: sopratutto, si percepisce l’assoluta la necessità di responsabilizzare socialmente le imprese che dovranno effettuare dei cambiamenti sostanziali per essere all’altezza di proporre un nuovo mondo dei giochi. La conseguenza che ne deriva è che oggi ogni impresa di gioco dovrà farsi un approfondito esame di coscienza per decidere se andare avanti aziendalmente oppure “cedere le armi” e chiudere i battenti perché economicamente non si riescono ad affrontare tali innovazioni.

In pratica oggi al gioco, ma forse non solo a questo settore, si chiede responsabilità sociale, professionalità e creatività nei suoi protagonisti perché le priorità delle persone sono cambiate, ed anche la voglia di divertimento è cambiata. Ormai i giocatori sono stati coinvolti con il gioco, anche con applicazioni di casino online, a distanza e, di conseguenza, quest’ultimo farà parte della vita del nuovo popolo di giocatori che ha ampliato le sue esigenze di gioco, appunto inserendo anche il gioco a distanza nei suoi divertimenti ed accostandolo al gioco terrestre che trasmette sempre quell’adrenalina in più e quella spinta di cimentarsi con i propri giochi preferiti. E questo naturalmente senza entrare nel gioco problematico: il gioco deve essere soltanto divertimento ed intrattenimento e tale deve continuare ad essere, altrimenti si vanno ad imboccare strade che non si dovrebbero mai percorrere poiché, si sa, che esagerando in qualsiasi cosa senza una precisa consapevolezza di quello che si va ad incontrare ci si trova coinvolti in devianze “assolutamente non gradite”.

Ma in che cosa consiste la responsabilità di impresa? E cosa differisce dalla “vecchia” gestione di un’impresa di gioco e di scommesse? Si vuole rispondere prima alla seconda domanda: si può dire che oggi la “vecchia gestione di un’impresa ludica”, qualsiasi essa sia, è indiscutibilmente obsoleta poiché durante la pandemìa il gioco si è evoluto e spostato verso il gioco a distanza che è per sua stessa natura in perenne cambiamento ed in continua innovazione. Per quello che riguarda, invece la prima domanda è più difficile rispondere: la responsabilità sociale del gioco significa che oggi con le nuove aperture il comparto terrestre va ad esigere di certo una maggiore professionalità dei suoi protagonisti, una sicurezza maggiore da inserire nei prodotti offerti, un occhio più attento a ciò che accade nelle sale da gioco ai suoi frequentatori. Insomma, oggi essere un gestore del gioco pubblico significa avere anche la responsabilità verso coloro che non riescono ad avvicinarsi al gioco con consapevolezza.

E, di conseguenza, se i giocatori non riescono a gestirsi, deve preoccuparsi chi del gioco ne fa un lavoro in cui crede, dare tutto quel supporto indispensabile perché rimanga assolutamente soltanto un divertimento: perché così deve essere. Questo è il rapporto che dovrà esserci tra “fornitore del servizio ludico ed il proprio cliente”. Ma sinceramente questo non basta: deve esserci una responsabilità sociale come impresa che si concretizza con maggiore tutela sui prodotti che vengono offerti: sia ovviamente quelli di presenza, che quelli a distanza in modo che il cliente-giocatore non si senta spinto a provare esperienze altrove, magari imbattendosi nel gioco illegale che sulla carta è sempre disponibile a “dare qualcosa in più”, ma purtroppo sempre facendo rischiare soltanto il giocatore. E di rischi nell’illegalità se ne corrono parecchi: quindi, perché andare incontro a sorprese o per la durata delle partite, per la ricorrenza delle vincite e sopratutto per il pagamento di queste ultime che spesso vengono “pilotate artatamente”?

Nel nostro Paese esiste un mondo del gioco legale e divertente, regolamentato ed in attesa di una riforma: il settore ha soltanto necessità di acquisire risorse specializzate in ricerca e con più competenze differenziate che possano intrecciarsi tra gioco fisico e gioco a distanza e casino con bonus: in pratica, una nuova “coscienza imprenditoriale” che deve andare incontro alle nuove esigenze dell’utenza e, possibilmente, entrarne in “confidenza” cercando quasi di personalizzare ogni offerta attirando il giocatore con “offerte indirizzate espressamente a lui”, facendolo così uscire dalla “massa dei giocatori” ed accogliendo le sue esigenze. Per arrivare a tutto questo sarà necessaria la formazione del personale, il miglioramento delle competenze e la professionalità maggiormente qualificata dei soggetti presenti presso le aziende: è fondamentale che i “vecchi imprenditori” si reinventino con un inevitabile processo di automazione e con nuova voglia imprenditoriale per affrontare un mercato più esigente e probabilmente anche molto più concorrenziale.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 29 Giugno 2021 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente