Giocare in sicurezza con tutte le attività legali

se vuoi giocare azzardo ricorda che devi farlo in modo sicuro e legale ed anche in modo responsabile

Ormai non si può avere più alcun sospetto: decisamente nel mondo dei giochi e nei casino slot migliori “the working in progress” altrimenti non si spiegherebbe questo continuo parlare del settore, della sua storia economica dopo l’emergenza pandemica, il disagio delle sue attività legali terrestri che non riescono a ripartire come si vorrebbe e sopratutto di una Legge Delega che dovrebbe rappresentare il riordino nazionale dell’intero settore.

Viene anche in mente un altro riferimento che si può affiancare all’attuale momento del gioco pubblico: “Nel bene o nel male, purché se ne parli” rispolverando vecchi ricordi e citando un pregevole Oscar Wilde.

Infatti, vale la pena di sollevare tanto polverone nei confronti di un settore affinché qualcosa sia costretto a muoversi come le decisioni che dovrebbe assumere il Parlamento sull’avanzamento della Legge Delega sul Gioco che, evidentemente, si è arenata da qualche parte e non riesce ad andare avanti.

Dallo scenario ludico emerge forse uno degli elementi più importanti che riguardano il futuro del gioco.

Ma anche dei suoi tanti operatori e delle imprese di un settore decisamente delicato: la voglia di avere un gioco sano e sicuro ma che va cambiato.

Vivere nel mondo ludico è particolarmente difficile, così come affrontare le decisioni che lo riguardano: ciò che l’esperienza pandemica ha insegnato è che tante imprese terrestri sono state costrette ad aprire, o commutare il proprio fare, verso l’online per sopravvivere, cambiando di fatto la propria natura ed organizzandosi in modo totalmente diverso.

Anche investendo dei capitali, pochi o tanti che siano, che sono risultati difficili da reperire dopo due anni di quasi totale chiusura per lo tzunami Coronavirus che fa sentire ancora la sua onda di ritorno che infierisce impietosamente sull’economia delle attività, trascinando con sé anche la problematica dell’occupazione conseguente alla situazione finanziaria del settore.

Realmente talune imprese hanno scelto la via dell’online per poter stare a galla, cosa confermata appunto dal “cambio dell’uso del gioco”.

Cosa che ha portato ad un aumento di questo segmento di un bel +35%, che non è poco: giocoforza le aziende hanno dovuto seguire le scelte effettuate dai giocatori, impossibilitati a trovare in quel momento emergenziale il gioco fisico sul territorio.

Gli sviluppi affrontati dagli addetti ai lavori hanno mutato profondamente l’industria del gioco creando un diverso e più largo mercato seguito da un nuovo popolo di giocatori sicuramente più esigente: mondo del gioco, e nello specifico quello digitale che ora necessita che la politica dia una risposta nell’ambito del quadro regolatorio.

Sopratutto, tutta l’industria ludica sta aspettando risposte per il contrasto al gioco illegale che, purtroppo, sta tutt’ora falcidiando le attività legali entrando di certo in netta concorrenza con loro e “disturbando” il mercato.

Qualcosa si sta muovendo, ma non nel Parlamento che dovrebbe essere all’opera per “sbrigare” l’incombente della Legge Delega, ma per conto di ADM che sta cercando di concertare meglio i processi legati alle concessioni per favorire l’espandersi del gioco legale.

ADM nell’estendere il tracciamento delle transazioni pensa di riuscire ad avere meglio sotto controllo i movimenti finanziari ed effettuare più monitoraggi possibile. Il cambiamento del mercato deve essere seguito da giuste scelte legislative proiettate alla trasparenza ed alla sicurezza: si deve controllare con attenzione la distribuzione dei punti di gioco in modo che nel futuro vi sia un equilibrio sul territorio come serve controllare i punti di gioco non specializzati, quelli specializzati ed il gioco online.

Il riordino deve trovare un equilibrio anche tra i vari prodotti di gioco, come lotterie, apparecchiature da intrattenimento, scommesse e bingo evitando che si inserisca in questa distribuzione accurata la presenza di spazi destinati proprio al gioco illegale.

Insomma, il gioco pubblico cerca sicurezza per sé stesso e per le sue imprese, ma anche per i giocatori che quando entrano in una sala giochi legale devono essere sicuri e tranquilli con giochi prodotti con tutti i crismi della sicurezza.

Ma anche con vincite giustamente proporzionate, con un tempo di gioco possibilmente controllabile e con tutti i vari suggerimenti messi in atto sul gioco responsabile e consapevole. Il giocatore “legale” deve avere la sensazione di essere protetto ed assistito per il meglio e non, come spesso accade nei punti di gioco illegali, essere “spinto” a giocare sempre più, e trattenuto più tempo possibile presso gli apparecchi, quando non riesce addirittura ad incassare le tanto agognate vincite.

Purtroppo oggi, pur ricercando una trasparenza migliore ed una sicurezza ancor più certa, il gioco pubblico è in balìa delle Leggi Regionali sul gioco e si discute ancora, od almeno su ancora tanti territori, dei distanziometri e delle fasce orarie di accensione.

Il gioco, quindi, è tuttora in ostaggio di questa normativa che non si può ritenere trasparente né tanto meno sicura ed è per questo che gli addetti ai lavori continuano ad invocare il riordino nazionale dell’intero settore, proprio per dare tranquillità ai propri giocatori che escono dal periodo pandemico decisamente frastornati da quello che si sono trovati intorno: quasi più gioco illegale terrestre che quello pubblico di Stato.

E non è sicuramente un bel vedere. Serve, ed in fretta, un cambio di marcia da parte della politica che dia seguito alle tante promesse con l’avvento del riordino. Invece, servirà aspettare ancora un po’ e per questo si è decisamente contenti che del gioco si continui (bene o male) a parlarne come detto ricordando Oscar Wilde: basta però che davvero non continuino ad esserci soltanto parole o promesse perché il mondo dei giochi ha bisogno di ben altro.

Ha necessità sopratutto di concretezza e che vengano regolamenti tutti i comparti del gioco in modo ben specifico. Non dovranno più esistere interpretazioni alternative relative ad una particolare norma da applicare.

Ringrazierebbero anche i Giudici dei vari TAR che vengono chiamati per dirimere cause da Stato ed operatori, ma anche quelli della Corte Costituzionale ai quali si arriva dopo percorsi legali di mesi che portano via tempo e danaro per tutti. Sicurezza e trasparenza, soltanto così per il gioco potrà finalmente “risorgere il sole perché il domani sarà un altro giorno”.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 10 Giugno 2022 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente