Focus sul Gioco d’azzardo legale dopo la tornata elettorale

nuovo governo in italia focus su gioco azzardo legale

Anche se è d’obbligo “inchinarsi” al successo del centro-destra, ed in particolar modo di quello del suo leader Giorgia Meloni, non si può evitare di pensare al nuovo Governo che si sta costituendo e che sarà nell’immediato travolto dalla situazione attuale del Paese che si dibatte tra la crisi energetica, l’inflazione ed il PNRR.

Tutti argomenti che andranno affrontati subito ed in mezzo ai quali l’ex Governo Draghi stava facendo uno slalom politico senza limiti cercando di portare a termine il più possibile per lasciare al nuovo insediamento istituzionale una situazione accettabile, o quanto meno, da poter affrontare tirando un profondo respiro e buttandosi, in ogni caso, a corpo morto per confrontarsi con la situazione del Paese che non è sicuramente delle migliori.

Se proprio si volesse fare i “cattivi” bisognerebbe anche inserire la problematica autunnale delle varianti del Coronavirus e delle vaccinazioni: ma non si vuole arrivare a tanto e quindi ci si ritira a discutere soltanto dell’argomento che interessa in modo diretto chi scrive.

Così ci si trova a guardare questo nuovo “giro di giostra politico” e vedere cosa si può pensare accada al mondo dei giochi dopo il “triste” allontanamento della Legge Delega sul Gioco d’azzardo legale che già l’industria del gioco stava assaporando e che sembrava questa volta in fase di effettiva concretizzazione.

Quindi, come si è detto, dopo i dovuti complimenti per il risultato ma non certo per i toni che si sono messi in campo in questa campagna elettorale in cui tutti i partiti hanno dimostrato il peggio di sé stessi, “ci piace” guardare dal di fuori il nuovo Governo e cosa potrebbe accadere nei prossimi mesi e quale potrebbe essere la “fine del gioco” che senz’altro andrà in coda alle tante priorità che attanagliano il Paese ed i suoi cittadini: laddove il gioco pubblico forse non rientrerà in queste priorità, almeno a breve termine.

Ma ora si cerca di fare un po’ di chiarezza e mettersi alle spalle la tornata elettorale e guardare alla realtà quotidiana delle imprese di gioco e dei suoi operatori, come di tutti gli altri settori.

Addetti ai lavori che devono fare i conti con un avvicendamento istituzionale che ci si aspettava, visti i sondaggi e l’andamento della campagna elettorale.

D’altra parte, con un nuovo Esecutivo serve essere positivi, almeno all’inizio, sperando che il suo tempo con duri come “un battito d’ali” come da parti avverse si sente mormorare: così si cerca di fare dei programmi in base alle “tendenze” che la compagine di centro-destra ha sempre dimostrato nei confronti del settore del gioco e delle scommesse.

Può anche essere che le cose nel corso dei tempi si siano “addolcite” nei confronti del mondo ludico e che ora si veda l’intero comparto come fonte di introiti utili in questo momento storico e che questo possa far spingere il piede sull’acceleratore per arrivare al riordino nazionale del settore per tranquillizzare tutto l’insieme gioco, sopratutto perché rappresenta lo Stato, la legalità, la sicurezza del territorio.

Tutte cose che dovrebbero essere nel DNA del centro-destra ed in questo il gioco pubblico spera.

Ma l’occhiata che si vuole dare deve essere supportata da un grandangolo per avere uno sguardo “profondo” e con questo si cerca di fare considerazioni realistiche e non voli pindalici che servono davvero a poco e sicuramente non a sistemare l’economia di un settore in netto disagio ormai acclarato da mesi e mesi di incertezze.

Almeno, si parte da un Governo con una maggioranza chiara e non si percepisce l’instabilità degli ultimi decenni quando ci si “doveva accontentare” di una maggioranza traballante e sopratutto contrastante nelle idee, cosa che portava alla costituzione di un Esecutivo raffazzonato, pervaso e tenuto in ostaggio da vari compromessi certamente deleteri per qualsiasi progetto: oggi la maggioranza c’è, con buona pace del centro-sinistra che si è visto schiacciare da una “concorrenza” contro la quale si è detto di tutto e di più.

Ma serve andare oltre perché ciò che aspetta il nuovo Esecutivo con è scevro di battaglia “forti” per riuscire a fronteggiare le problematiche del Paese che delineano un contesto piuttosto difficile.

Ed in questo contesto come si pone il mondo dei giochi e dei siti legali ADM dedicati ai casinò? Innanzi tutto, si dovranno attendere i vari movimenti per la costituzione del nuovo Governo e tutti gli adempimenti che dovranno essere effettuati entro il mese di novembre, quando l’Esecutivo di centro-destra assumerà di fatto la carica ufficiale: prima di quel periodo, naturalmente, saranno presi gli accordi sui Ministri ma anche sui futuri Governatori dai quali, negli anni recenti, purtroppo è dipesa la vita commerciale delle attività ludiche allorquando gli stessi hanno emesso le famigerate Leggi Regionali “capestro” sul Gioco.

Di fatto le scelte che verranno effettuate avranno un impatto diretto ed inevitabile sulle politiche del gioco pubblico a prescindere dall’avverarsi la riforma dell’intero settore: chissà se a questo punto le infinite speranze di tutta la filiera si concretizzeranno, oppure se saranno definitivamente abbandonate, oppure se si rimetterà tutto in discussione in relazione a quella fantomatica bozza della Legge Delega sul Gioco purtroppo mai nata.

Presumibilmente, si ripresenterà la problematica della Questione Territoriale ed i rapporti con gli Enti Locali poiché la situazione ad oggi ovviamente è tutt’altro che risolta: qui l’elezione dei nuovi Governatori avrà un ruolo importante, sopratutto in quelle Regioni dove sia il gioco che i giocatori producono una maggiore raccolta.

Senza dimenticare il ruolo di importanza vitale del Ministro dell’Economia dal quale il gioco pubblico “dipende” che dovrà decidere, poi, la nomina del sottosegretario con delega ai giochi. Dunque, un susseguirsi di nuovi eventi, nuovi nominativi, nuove cariche: un vento nuovo che può far sorgere tante speranze verso una stabilità per il Paese ed anche, finalmente, qualche certezza in più per il mondo ludico che non ne vede l’ora.

Quindi la riflessione, per chiudere, è una soltanto per il gioco ed il poker online: cambiano gli attori ma si spera che la “rappresentazione” non sia uguale a quella degli anni precedenti e che sopratutto smettano di esistere le idee populiste e quelle false idee pseudo-moralistiche che hanno messo in gioco in un angolo.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 13 Ottobre 2022 ore 10:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente