Oltreconfine: Il rapporto tra giovani ed il Gioco

rapporto tra gioco e giovani oltre il nostro confine

Quasi sempre, non essendo dichiaratamente esterofili, si scrive sul nostro mondo del gioco escluso qualche sporadico sondaggio estero per vedere come funziona il gioco al di fuori degli italici confini, ma sopratutto per vederne gli sviluppi ed i rapporti che lo stesso settore intrattiene con il popolo dei giovani “stranieri” che per colpa del periodo pandemico si sono interessati al gioco online contribuendo al suo sviluppo che in Italia è stato sensibile.

Così oggi, tanto per cambiare e per non parlare sempre ed unicamente del nostro gioco pubblico, si vuole curiosare sui risultati di un rapporto della Gambling Commission del Regno Unito che ha voluto fotografare il comportamento dei giovani nei confronti del gioco d’azzardo britannico, e guardare se il tutto viene affrontato con responsabilità e consapevolezza: entrambi elementi indispensabili per fronteggiare le tante offerte che viaggiano sia in internet che nel terrestre e che sono decisamente accattivanti.

Con un occhio di riguardo all’illegalità che non esiste solo nel nostro Paese, ma anche “in terra straniera”.

Dunque, da tale rapporto annuale si evincono alcuni dati certi: il 31% circa dei ragazzi tra gli 11 ed i 16 anni ha speso la “propria paghetta” per il gioco nell’ultimo anno: durante questo periodo il popolo di giovanissimi si è rivolto esclusivamente al gioco legale, elemento che appare importante, e su prodotti che non prevedevano limiti di età.

La scelta è orientata verso le macchine da gioco arcade, come Penny pusher o la gru, oppure verso scommesse tra amici e familiari, verso partite a carte per soldi.

Percezione e consapevolezza del Gioco

Questo è la prima immagine generale del rapporto tra i giovani ed il gioco: l’indagine poi ha anche esaminato il luogo in cui gli stessi giovani giocano e con chi, valutando la percezione del gioco e sopratutto la consapevolezza con la quale si affronta la pubblicità del gioco.

Come si sa l’argomento pubblicità che arriva ai giovani da un bel pezzo sta facendo discutere e non solo nel nostro Paese dove è stato “trattato in modo proibizionistico”.

Per avere un’indagine più completa possibile sono state poste alcune domande relative ad eventuali problemi associati al gioco, considerando anche la possibilità di giocare gratis con le macchinette slot machine migliori, e si è utilizzato un Manuale specifico per riuscire a classificare quei giocatori che potrebbero essere a rischio o giocatori problematici.

Il sondaggio ha considerato in uno 0,9% degli 11-16enni come possibili giocatori problematici, il 2,4% come giocatori a rischio ed il 27,3% come giocatori non problematici.

Un elemento da tenere ben presente è che la maggior parte dei giovani che ha speso la propria paghetta al gioco, lo ha fatto perché lo considera divertente se fatto in compagnia con qualche amico.

Non vi è dubbio, guardando il comportamento dei giovani, che taluni hanno iniziato a giocare avendo visto fare lo stesso in famiglia anche se questo “giocare” per circa un 7% di ragazzi aveva provocato litigi o tensioni tra gli stessi familiari.

Un ultimo dato, importante e che “non ci piace” è che un 11% circa di giovani ha affermato che il gioco praticato da un familiare ha aiutato a pagare le cose di casa.

Un principio davvero sbagliato

Se si pensa in questo modo si rischia di farlo diventare compulsivo e volto soltanto alla vincita per coprire le spese di casa… e questo non va bene poiché va ad insinuarsi nel giocatore che non serve lavorare, basta giocare per avere il danaro per le spese della vita giornaliera.

E questo principio non dovrebbe mai passare. Però quello che ci tranquillizza è che pare che i giovani inglesi abbiano un rapporto “scorrevole” con il gioco e non rappresentino quindi una categoria a rischio, per fortuna!

Così a completamento d’opera, “ci piace” anche curiosare sui nostri italici giovani e vedere com’è la situazione: sono circa un milione i giovani di età compresa tra i 14 ed i 19 anni che hanno avuto accesso al gioco nell’ultimo anno.

Vi è stato nel gioco anche un lieve calo, pari allo 0,7%, di giovani italiani che non si sono avvicinati al gioco sempre nell’ultimo anno: si rileva un calo delle scommesse sportive ed un dato stabile rispetto alle lotterie istantanee, mentre cresce, ma di poco, l’accesso agli apparecchi di gioco con vincita.

È cresciuto di un 2% il gioco online passando dall’8 al 10% del popolo giovanile: sempre maggiore presenza dei ragazzi con il 16% di accessi rispetto a quelli del 4% delle ragazze.

Ma perché i giovani si avvicinano al gioco d’azzardo? Quesito che ovviamente sarebbe da porsi non soltanto per gli italici giovani giocatori: comunque, ora si sta guardando “nelle nostre fila” e così ci si trova con i dati che seguono, che seppur sommari danno una qualche indicazione.

Alcuni numeri nudi e crudi

Ovviamente, anche se non ci piace dare dati “nudi e crudi”, in questa occasione serve farlo per avere un quadro generale del gioco giovanile che non ci stupisce più di tanto avendo sott’occhio la situazione.

La graduatoria ci consegna al primo posto la semplice curiosità nei confronti del gioco d’azzardo con una percentuale del 21%, seguita da vicinissimo, e quindi con il 20%, dal puro caso. Al terzo posto si trova il divertimento con il 18% ed infine al quarto posto l’abitudine al gioco da parte della famiglia o degli anici con una percentuale dell’11%.

Quindi, la spinta verso il gioco per i giovani è da attribuirsi proprio alla curiosità e non riveste neppure da lontano una forma di compulsività che sarebbe senz’altro deleteria per lo stato di salute degli stessi giovani.

Tutto il resto dei “sentimenti” è decisamente comprensibile: sia il divertimento che l’essere attratti dal comportamento degli amici o della stessa famiglia rientra nella pura e semplice normalità, così come le scelte sui giochi che vengono effettuate. Apparentemente nulla di preoccupante poiché si evince la consapevolezza dei ragazzi di cosa rappresenti il gioco: e senz’altro hanno contribuito le campagne di informazione nelle scuole.


Contenuto a Cura di

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestLinkedInScrivi una Email

Vanessa Maggi è la nostra Giornalista di punta che coordina e scrive per la redazione di Casinoonlineaams.com. Spinta da una grande passione per il mondo dei giochi su internet, ricerca sempre notizie legate al mondo ludico per farti stare informato su tutto quel che riguarda questo mondo. La sua passione per questo lavoro è davvero invidiabile. La contraddistingue una grande tenacia nella ricerca della verità.

Pubblicazione: 13 Dicembre 2022 ore 14:07

Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
JackpotCity Casino
JackpotCity Casino
100% Fino a 600€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 200€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente