Molti paesi nel mondo cercano di legalizzare il Gioco d’azzardo

molti paesi al mondo stanno cercando di legalizzare il gioco azzardo per renderlo sicuro e responsabile

Nella scorsa settimana si è parlato abbastanza diffusamente di quanto gli Stati Uniti stiano facendo per “la corsa verso il gioco d’azzardo online”, con i suoi pro ed i suoi contro nei confronti dei quali ogni Paese cerca di adottare una buona strategia per contrastare le eventuali devianze che, inutile negarlo, possono intervenire.

D’altra parte, non si vuole essere ipocriti ad oltranza e sostenere che il gioco, compresi i casino online nuovi, non crea delle conseguenze se non viene approcciato in modo consono e con responsabilità: ma tra questo ed affermare che andrebbe limitato od addirittura vietato nel modo più assoluto, una via di mezzo potrebbe esistere ed è quella che la maggior parte delle realtà cerca di percorrere per salvaguardare prima di tutto la salute delle persone più fragili che potrebbero lasciarsi influenzare.

Non vi è dubbio, in ogni caso, che gli introiti che provengono dal mondo dei giochi, ovunque venga messo in campo, sono sempre rilevanti e quindi “fanno gola” ai vari Paesi che cercano di sfruttare nel modo più utile nel sociale queste risorse che per qualcuno risultano sempre discutibili.

I detrattori del gioco, infatti, non hanno né colore né nazionalità, si trovano ovunque ed ovunque purtroppo portano avanti il proprio pensiero negativo nei confronti di chiunque frequenti o lavori in questo mondo effimero, “immorale ed approfittatore delle debolezze altrui” che è rappresentato dal gioco: e questa è una frase che in Italia troppo spesso viene pronunciata ancora oggi nei confronti di un settore che proprio nel nostro Paese ha, dalla sua lontana nascita, riversato nelle casse erariali importi di un certo livello. Peraltro raccolta apprezzata dai vari Governi che nel tempo si sono succeduti e che ne hanno “approfittato” per la quadratura dei propri bilanci, altrimenti perennemente in rosso.

Ma a prescindere da questo la nostra politica, sopratutto ultimamente, non è molto tenera nei confronti di questo settore che, invece, avrebbe decisamente bisogno di essere sostenuto e protetto visto che avrebbe l’importante compito, in quanto “Riserva di Stato”, di tutelare la legalità del prodotto gioco e di salvaguardare la salute dei cittadini.

Decisamente quella del nostro Paese è un’altra lunga storia, condizionata oltre che dall’attuale politica che si è dimostrata latitante e menefreghista nei confronti di tutta l’industria del gioco anche dal proibizionistico divieto della pubblicità ai giochi contenuto nel famigerato Decreto Dignità, voluto dal Governo Conte e messo in campo con tempi inverosimilmente velocissimi, e che ha assestato un ulteriore colpo all’economia settoriale ludica.

Ma a prescindere dal rapporto vissuto tra il gioco pubblico ed il Sistema Italia, qui si vuole parlare di ciò che accade in un altro Paese ben lontano dal nostro, esattamente in Uruguay, laddove anche questo stato sudamericano vuole legalizzare il gioco online ed ha ottenuto il primo “sì” in Senato.

Negli Stati Uniti si sta concretizzando tanta movimentazione in questo settore dopo che è stata abolita la PASPA, legge federale che vietava la regolamentazione del gioco e che recentemente è stata dichiarata incostituzionale.

Sino ad arrivare a legalizzare il gioco online anche in Sud America poiché in alcuni Paesi ci si è resi conto che il gioco esiste ed è già ricercato e praticato parecchio a livello illegale.

E, quindi, obbligatoriamente ne discende che l’unico modo per gestirlo e tenerlo sotto controllo, e sopratutto tenere a bada la criminalità che anche in quella realtà gestisce il gioco d’azzardo, è quello di regolamentarlo a mezzo di operatori sicuri con licenza: cosa che sta accadendo in Uruguay dove si stanno facendo passi avanti per arrivare ad un disegno di legge che regoli questa “novità” nell’intrattenimento.

Manca, a questo punto, il passaggio dello stesso disegno di legge all’altro ramo del Parlamento, la Camera dei Rappresentanti del Paese, dove verrà sottoposto a votazione: ed in caso di esito positivo il testo verrà proiettato direttamente al Ministero dell’Economia e delle Finanze che avrà il compito “gravoso e complesso” di elaborarne la normativa, le regole e le linee guida.

Così a quel punto avverrà il debutto effettivo del gioco online anche in Uruguay: ma si sa già che i tempi affinché si svolgano le varie fasi non saranno brevi ed, andando tutto per il verso giusto, se ne parlerà non prima della fine di dicembre 2022.

Serve anche precisare due punti esistenti nel disegno di legge in approvazione: uno che si stabilisce che una percentuale che va dal 5 all’8% delle entrate lorde derivanti dallo stesso gioco online verrà destinata a finanziare eventuali progetti per contrastare i danni derivanti dal gioco e due che, invece, non viene indicato al momento il carico fiscale per gli operatori.

Altresì non si è a conoscenza se gli operatori esteri potranno richiedere una licenza per operare in territorio uruguayano una volta che la legge verrà definitivamente effettiva.

Al momento rimane in vigore la legge approvata dal Governo nel 2017 che vieta a tutti gli operatori di gioco d’azzardo, con sede all’estero, di offrire servizi a qualsiasi cittadino all’interno dell’Uruguay.

Quindi, si può dire che il disegno di legge è ancora ai primordi ed andrà rivisitato, corretto, inserite le parti mancanti per avere un quadro davvero completo.

Trattandosi poi di un settore abbastanza complicato di per sé, e riferendosi all’online senz’altro comparto “difficile nella sua gestione”, si è certi che i tempi non saranno davvero brevi. Forse, l’Uruguay potrebbe attingere dai Paesi che hanno più esperienza e che già hanno inserito nella loro realtà territoriale sia il gioco d’azzardo terrestre che l’online.

Primo tra tutti il Regno Unito che ha sempre qualcosa da insegnare a chicchessia per quello che riguarda i rapporti con il mondo dei giochi poiché là è un settore molto considerato dal Governo, ben gestito e regolamentato nell’assoluto rispetto delle sue imprese e dei suoi operatori autorizzati.

Anche l’Italia può dire la sua nella regolamentazione del gioco ed è molto riconosciuta la sua gestione a livello internazionale anche se invece nel nostro Paese, sul campo come si suol dire, qualche incomprensione esiste eccome. Ma agli occhi esterni probabilmente questo non si percepisce.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 9 Settembre 2022 ore 10:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente