Match Fixing: Bisognerebbe parlarne piu spesso

parlare piu spesso del match fixing

Il match fixing, purtroppo, continua ad essere elemento di discussione poiché continuano ad uscire notizie che lo riguardano ed, ovviamente, ciò comporta che questo fenomeno vada tenuto particolarmente d’occhio prima che da “fenomeno” passi ad essere un “problema” di difficile soluzione. Per questo motivo, Global Lottery Monitoring System, associazione di integrità globale e di assoluta trasparenza relativamente alle proprie attività di monitoraggio e di intelligence che riguardano il mondo del gioco e dei casino migliori, tiene molto ad illustrare il proprio report del primo trimestre del 2019 che “racconta” il suo operato: per “snocciolare” qualche dato si deve segnalare che le partite segnalate per sospetto di match fixing sono ben 33 e 20 quelle relative al calcio. In realtà gli alert che si sono generati in questo periodo sono ben 198: questi dati sono stati trasmessi ai partner ed hanno coperto una gamma piuttosto vasta di sport tra i quali il calcio, il basket, il tennis, la pallavolo, gli sport elettronici e l’hokey su ghiaccio.

Come si diceva nelle righe precedenti, il calcio è lo sport “più segnalato” e per questo si guadagna il primo posto di questo podio immaginario, seguito dal basket e dall’hokey su ghiaccio. Certamente, se da un lato si può essere soddisfatti per l’operato di GLMS e per la sua professionalità, dall’altro si deve riconoscere che il 2019 è un anno iniziato in modo “dinamico” per quel che concerne le segnalazioni di math fixing ed il numero alquanto significativo di corrispondenze sospette è stato naturalmente segnalato a chi di dovere. Ovviamente, si continuerà nel monitoraggio per migliorare ancora, “qualora sia possibile”, visto l’altissimo livello professionale e di conoscenza dei mercati, le qualità di queste operazioni di controllo con il solo ed unico scopo di rafforzare l’etica e la credibilità dello sport, obbiettivo che non si dovrebbe dimenticare mai! Il calcio scommesse, forse lo sport più seguito in Italia in assoluto, è purtroppo quel comparto che comprende la maggior parte delle segnalazioni di irregolarità durante il quotidiano monitoraggio: le partite allertate come già riferito sono state, infatti, 20 e 12 riguardavano l’UEFA ed 8 sono state segnalate alla FIFA.

Il resto delle segnalazioni sono state condivise con il Comitato Olimpico Internazionale, il Tennis Integrity Unit, la Liga, E-sports Integrity Coalition. E per proseguire nello “snocciolamento” di cifre nude e crude, si deve segnalare che dei 198 avvisi generati nel primo trimestre di quest’anno 2019, 149 sono stati creati prima dell’inizio della partita, mentre erano presenti 6 avvisi in base alle variazioni delle quote di gioco: 43 avvisi sono stati, invece, attivati dopo la fine delle partite. Di questi 198 avvisi, 11 erano in codice rosso e la maggior parte delle partite è finita “come previsto”. Poi vi erano 66 avvisi gialli e 86 verdi: il resto era il risultato di una richiesta o di informazioni. Non vi è dubbio che il calcio sia di gran lunga lo sport che è stato oggetto di particolare “attenzione” da parte degli scommettitori. Si vuole continuare a sottolineare che questi comportamenti siano assolutamente da tenere sotto controllo perché, a volte, vanno persino a “sforare” nelle categorie minori: il che è ancora più preoccupante, discutibile e senza dubbio più allarmante data l’età dei giocatori dei campionati minori: è una situazione, quindi, di alta preoccupazione e si fa molto bene a monitorare anche queste partite “minori”.

In generale si sa che il mondo del gioco d’azzardo va tenuto molto bene d’occhio compatibilmente con il numero di funzionari che è destinato a queste operazioni di controllo: si può dire che oggi essendo i controlli più frequenti richiedano un grosso impegno da parte delle nostre Forze dell’Ordine che devono controllare i punti di gioco terrestri e le normative in essere che devono far rispettare proprio a tutela del gioco legale e dei suoi giocatori. E poi come non pensare che l’online sia ancora più difficile da affrontare nei controlli: è senza dubbio un’impresa titanica poiché si deve saltare da un sito ad un altro e spesso e volentieri, è proprio questo che rende quasi impossibile risalire alla “fonte principale”. Ma in questo segmento del gioco, appunto le scommesse, si apre un mondo particolarmente difficile e sopratutto un mondo dove vi gravitano attorno tantissimi quattrini e per questo, di conseguenza, risulta essere più pericoloso. Senz’altro lo è più del segmento delle “macchinette” perché l’impegno della scommessa è senza ombra di dubbio diverso, più significativo ed importante.

Bisogna anche tenere presente che le stesse organizzazioni nazionali ed internazionali che promuovono lo sport ritengono il match fixing una vera e propria minaccia, poiché porta con sè il dissesto delle strutture finanziarie legate al profilo economico della pratica sportiva, ma anche e sopratutto gli stessi principi culturali e morali sui quali lo sport (di qualsiasi si parli) dovrebbe ispirare e sui quali si fonda. É una problematica molto seria e complessa che ha comportato l’impegno da parte delle associazioni sportive a mettere in atto numerosi tentativi volti a combattere questo fenomeno: una per tutte va ricordata quella delle Leghe europee di calcio professionistico che hanno pubblicato una serie di proposte strategiche in materia di scommesse sportive tra le quali spicca, più di ogni altra cosa, la stesura di un codice di condotta rivolto a tutti i protagonisti dei campionati.

La stessa FIFA si è dotata di un nuovo codice comportamentale dopo che aveva istituito il monitoraggio del mercato delle scommesse attraverso una sua società controllata: sulla stessa lunghezza d’onda anche il Comitato Olimpico Internazionale e l’International Cricket Council. Se, quindi, da un lato fioriscono iniziative per contrastare effettivamente questo fenomeno, dall’altro ci si rende conto di quanta strada vi sia ancora da percorrere: ciò, purtroppo, a causa dell’assenza di una consapevolezza generale e di un approccio “guardingo” che dovrebbe rientrare nei sistemi e nelle regolamentazioni per effettuare la guerra ad una vera e propria piaga dello sport che può nuocere profondamente a tutti: alle società sportive, agli sportivi ed ovviamente agli scommettitori.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 20 Giugno 2019 ore 12:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente