Il settore del gioco d’azzardo vuole essere riconosciuto sicuro e legale

gioco azzardo vuole essere legale e sicuro

Non si vuole pensare che l’Esecutivo Epoca-Nuova non sia a conoscenza di quello che rappresenta il gioco pubblico ed i casino online ADM: la legalità sul territorio a mezzo delle “Riserve di Stato” che agiscono per concessione statale, offrendo a chi lo desidera il prodotto di gioco lecito, tutelato, sicuro. Un sano intrattenimento che è riuscito negli anni a racchiudere una moltitudine di grandi, piccole e medie imprese con una forza lavoro che comprende circa 150mila dipendenti tra diretti ed indiretti. Questa è la presentazione tout court del gioco pubblico: e perché si è voluto esprimere con queste poche righe una così scarna rappresentazione del comparto ludico? Soltanto per sottolineare che il gioco legale è un settore rappresentativo anche della nostra economia che lo stesso ha sostenuto per anni con introiti per le casse erariali che nessun altro settore era riuscito a procurare, contribuendo a far quadrare i vari bilanci statali che gli Esecutivi che si sono susseguiti non riuscivano a far quadrare ricorrendo anche a tassazioni piuttosto onerose, alle quali le imprese del mondo dei giochi hanno sempre risposto “Obbedisco”.

Almeno di fronte a questo, ed alla continua e sicura rassicurazione dei versamenti degli importi che mano a mano venivano richiesti al settore e che sono aumentati negli anni a dismisura, l’Esecutivo di nuova nomina dovrebbe riflettere se continuare ad esistere nell’imposizione di chiusura alle sue attività, quando invece la loro apertura, sempre condizionata dai protocolli più restrittivi per la sicurezza per la salute dei dipendenti e della sua utenza, potrebbe aiutare le casse erariali a “rimpinguarsi” per poter a loro volta provvedere a qualche ristoro più sostanzioso per le imprese che ne necessitano. É sin troppo evidente che cambiando l’Esecutivo il gioco pubblico pensi ad una discontinuità di trattamento nei suoi confronti e che, finalmente, le sue imprese vengano trattate, se non con un occhio di riguardo in quanto “Riserve di Stato” e rappresentati della legalità del gioco sul territorio, almeno come qualsiasi altro settore di servizi.

Indiscutibilmente negli ultimi anni, e special modo da quando sono intervenuti gli “Esecutivi a quattro mani”, il gioco d’azzardo pubblico ha passato il periodo più brutto dalla sua nascita una ventina d’anni or sono: non considerando ovviamente il 2020 che sicuramente non si può annoverare tra quelli migliori che si siano vissuti! Ecco perché nell’Esecutivo Epoca- Nuova si riversa tanta fiducia: in un cambio di valutazione, di trattamento, di considerazione, di rispetto. Infatti, il gioco pubblico si sente di meritare la medesima considerazione di qualsiasi altra attività legale: ed è proprio per questo che ha continuato a manifestare con tantissime presenze in piazza che continuano ad aumentare per cercare di continuare a ricordare all’Esecutivo le sue esigenze, le sue priorità e la sua voglia di ricominciare. E non solo, anche tantissime altre piccole e medie imprese si stanno muovendo sui diversi territori in autonomia, ma con la forza di settore che in modo ampio li accomuna.

Quindi, che dire? Al momento si aspettano le decisioni del nuovo Esecutivo che si ritrova ad affrontare problemi “vecchi” che si trascinano, insoluti, da anni: sopratutto, problemi urgenti e su tutti la valutazione della riapertura dei punti di gioco, comprese le scommesse sportive, e dei casinò, altro comparto ridotto ai minimi termini. Tutti che stanno soffrendo tantissimo come il resto del gioco terrestre al quale è stata imposta “senza se e senza ma” la chiusura totale per fronteggiare la pandemìa. Le tre residue Case da Gioco si stanno “difendendo a spada tratta” e devono anche confrontarsi con alcune realtà “di frontiera” meglio organizzate pre-Coronavirus e che hanno dimostrato di essere assolutamente competitive già allora. Ovviamente il nuovo Governo Draghi è da poco operativo e, senza dubbio, sarà in altre faccende affaccendato con priorità più importanti del gioco pubblico, ma che sarà argomento da affrontare magari cercando di nominare un sottosegretario con la delega ai giochi che possa diventare “velocemente” un interlocutore per il settore.

Quello che emerge negli ultimi giorni è quanto sia variegato ed incerto lo scenario che quotidianamente si offre ai cittadini ed alle imprese e nel quale sembra di dover “navigare a vista” ed assolutamente privi di certezze, e scenario in cui il gioco pubblico, Case da Gioco comprese, si vedono costrette a fare da spettatori. In effetti non riescono ad essere interpreti diretti od addirittura protagonisti, ma assolutamente preoccupati sia per la prolungata chiusura imposta a tutte le attività dei giochi e slot machine, che dall’assoluta mancanza di certezze relativamente ad una data di riapertura delle proprie attività. Senza dubbio, questa sgradevole sensazione accomuna tantissimi settori come la ristorazione, il turismo, il divertimento in special modo che sembra essere stato messo da parte e quasi dimenticato dalle persone che timorose si muovono a volte anche in ricerca di una sala giochi con la quale passare qualche ora in leggerezza, ma cosa a tutt’oggi impossibile “ed assolutamente vietata”.

In questa situazione piuttosto confusa che racchiude il nostro Paese, oggi con il nuovo Esecutivo si può soltanto sperare che qualcosa davvero cambi: ma che cambi non solo a parole ma sopratutto con i fatti perché di parole se ne sono spese anche troppe, insieme alle promesse che hanno accompagnato il fare dell’ex Premier durante la sua carica. Oggi con il Governo Draghi, nato ed accolto con una grande partecipazione, si potrebbe davvero sperare di combattere tutti uniti per il bene del Paese e di tutti coloro che lo compongono. Seppur tra qualche frizione inevitabile tra partiti che pensano in modo diverso, si percepisce la volontà di creare davvero qualcosa di nuovo per il futuro della parte più giovane della nostra attuale società. É un impegno che il nuovo Esecutivo, nel presentarsi, ha sottolineato con una certa forza, facendo rilevare che la “nuova squadra di Governo” che vuole rappresentare una “Epoca Nuova” per il Paese non si basa sicuramente su “inciuci politici”, ma sullo spirito di sacrificio che gli italiani hanno dimostrato l’anno scorso. Periodo dove sono stati obbligati ad affrontare situazioni per qualcuno persino devastanti e ciò significa ulteriore unione per affrontare, prima di tutto, un unico nemico: la pandemìa.

Data Pubblicazione: 5 Marzo 2021 ore 18:00

SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
legale aams
Visita
gioco digitale casino logo
Gioco Digitale Casino
300 Giri + 500€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
bwin casino logo
Bwin Casino
50 Giri + 200€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 3000€
legale aams
Visita
william hill casino logo
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita