Il settore dei giochi scommette sull’arrivo del riordino nazionale

gli operatori italiani del gioco scommettono sul celere arrivo del riordino nazionale del settore

Il gioco pubblico e la sua sicurezza, approdata sull’italico territorio circa una ventina d’anni fa, ha indiscutibilmente necessità di un “accurato restauro” poiché sono veramente troppe le norme che lo regolamentano: oltre tutto, persino diversificate da territorio in territorio e, quindi, ben difficili da far rispettare. Senza dubbio, ADM ne sa qualcosa visto l’impegno che, sopratutto recentemente, sta impiegando per la tutela della legalità e per il contrasto al gioco illecito che, purtroppo durante la pandemìa, è riuscito a riorganizzarsi ed a riproporsi per un nuovo popolo di giocatori “nato dall’emergenza sanitaria”. Ma si può sicuramente affermare che seppure le norme da seguire siano tante, ADM ed il suo DG, Alberto Minenna, si stanno superando negli interventi e nel continuare a sottolineare appena possibile quanto oggi sia indispensabile rimettere ordine nel settore ludico. Purtroppo, però, l’illegalità è riuscita a soppiantare il gioco pubblico, cui è stata imposta una chiusura di lunga durata, dall’ottobre 2020 al giugno 2021.

Serve, ed urgentemente, razionalizzare le molteplici norme che vanno quasi inevitabilmeente a sovrapporsi e che, di certo, intendono regolamentare il mondo dei giochi e dei casino slot ma che, invece, riescono addirittura a complicarlo ancor di più. Il Dott. Minenna in ogni occasione possibile, riesce con tutta la sua consueta forte comunicazione di cui è un esperto, a richiamare l’attenzione sul ruolo e l’attività che l’Agenzia mette in campo per contrastare l’illegalità e la criminalità che la gestisce con estrema abilità. Così diventa conseguenza logica a tale premessa la necessità di studiare un Testo Unico sul Gioco che raccolga tutte le norme per la sua regolamentazione e che possano applicarsi in modo univoco sull’intero territorio, rendendo così molto più proficui e positivi i vari monitoraggi e controlli che gli uomini e le donne di ADM svolgono. Sarebbe più semplice in questo modo, riuscire a sgominare quelle diverse attività illegali che purtroppo pullulano in maniera estremamente preoccupante.

E tale preoccupazione coinvolge sia lo stesso settore ludico, e quindi le sue imprese, ma sopratutto la sicurezza dei giocatori che oggi con troppa illegalità presente non sono per nulla tutelati. L’argomento del Testo Unico ribadito pubblicamente in diverse occasioni dal Dott.Minenna sta diventando quasi un mantra per ADM che lo valuta l’unica possibilità per rilanciare il settore del gioco d’azzardo in tutti i suoi comparti, poiché è evidente che maggiore trasparenza nelle normative renderebbe più efficace anche l’intervento dei Giudici dei vari TAR. Costoro sono davvero subissati di lavoro e di ricorsi resi possibile unicamente dalle norme di cui si parla che hanno interpretazioni spesso alternative e che provocano soltanto una grande confusione in tutti: operatori, TAR e persino Enti Locali. Infatti questi ultimi, sopratutto recentemente quando sono state applicate le norme relative ai distanziometri ed ai luoghi sensibili, si sono trovati con normative doppie e sovrapposte divenute praticamente inapplicabili.

Ora, è esattamente sul Testo Unico del Gioco e sul riordino nazionale dell’intero settore che il mondo del gioco deve scommettere, ed anche tanto, perché il risultato di questa scommessa rappresenta il futuro dell’intero settore e dei suoi lavoratori. Bisogna ricordare che in questi giorni è comparso fortunatamente il nominativo del successore di Claudio Durigon, nella persona di Federico Freni (sempre con il benestare del nostro Premier), che rappresenta già una boccata di ossigeno per il settore che può riporre fiducia e speranza in questa figura che potrebbe contribuire a sveltire la nascita del riordino del gioco ed anche delle sue innumerevoli norme. Ciò porterebbe anche alla “rinascita delle risorse” del gioco pubblico che andrebbero a rimpinguare le casse dell’Erario mai così desolatamente vuote e “bisognose di congruo sostegno” da parte di tutti i settori. L’atteggiamento di ADM oltre ad essere intenso per tutti i settori in cui la stessa Agenzia opera, va senz’altro sottolineato poiché sta ottenendo in tutti i comparti in cui impegna le sue forze ottimi risultati che sono sotto gli occhi sia della politica che dell’opinione pubblica.

Questo significa che ciò che viene sottolineato dal suo DG va ben valutato e tenuto sotto estrema attenzione: l’Agenzia proprio durante la pandemìa ha cercato di tenere il Paese al sicuro da tutte le varie forme di illegalità che si sono sviluppate proprio in questo periodo emergenziale, e non solo per quello che riguarda il mondo dei giochi e del poker online, ed intervenendo sempre con ottimi risultati. Senz’altro risultati dovuti certamente all’impegno di tutto il team di ADM ma sopratutto per l’organizzazione messa in campo dal suo “condottiero” al quale vanno tanti ringraziamenti speciali e tanta fiducia in quel che propone e che si spera venga seguito “alla lettera” dai politici di riferimento, e qui incluso di certo il gioco, sul quale si ritorna a ribadire il settore ludico deve continuare a perseguire il suo riordino nazionale. Arma letale assolutamente caldeggiata anche dal Presidente della Camera, Roberto Fico, per sconfiggere l’illegalità e per consentire ai suoi operatori un po’ di tranquillità e di riappropriarsi del proprio ruolo di rappresentanti legali del prodotto di gioco di Stato.

La legalità sull’italico territorio non può essere dimenticata, come purtroppo è stato fatto durante tutta l’emergenza pandemica, poiché è indispensabile per la sicurezza sia dello stesso territorio che dei cittadini. Soltanto che oggi, dopo tante restrizioni e tanta sofferenza, non è più tempo delle parole e del “vedremo e faremo”, ma è arrivato il momento di passare alle vie di fatto, e questa volta si spera “senza se e senza ma”. Così, infatti, dovrebbe rispondere l’Esecutivo alla richiesta reiterata del riordino nazionale dell’intero mondo dei giochi: il riordino si farà ed anche presto. Lo richiede il settore, i suoi imprenditori, i suoi lavoratori ed anche il territorio che ha necessità di vedere rifiorire le attività ludiche commerciali e di non vedersi più circondato dalla criminalità che inevitabilmente l’illegalità porta con sé. E non solo con il gioco d’azzardo ed il gioco da app casino online. Infatti, più volte si è parlato di un altro comparto illecito tanto caro alle organizzazioni criminali: prestiti ad usura, che in questo momento di mancanza di liquidità e di difficile ripartenza sono purtroppo ricercati da cittadini normali, ma anche da imprese disperate e disagiate.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 10 Ottobre 2021 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente