Il rapporto tra gli italiani ed il gioco d’azzardo è cambiato

cambiato il rapporto tra gioco azzardo ed italiani

Dopo aver esaminato al microscopio il mondo del gioco e dei casino online slot, tutti i suoi anfratti, i suoi punti bui ed i suoi lati oscuri era inevitabile, e per fortuna si potrebbe anche aggiungere, che si facesse lo stesso esame anche al nuovo popolo di giocatori che si è creato durante e dopo l’emergenza pandemica. Prima di tutto quando, durante la pandemìa, è stato costretto con la “domiciliazione coatta” a rivolgersi al gioco online anche da parte di chi non lo aveva mai frequentato ed anche se, almeno si dice, quel tipo di gioco non regala l’esperienza e le sensazioni del gioco terrestre. Poi, purtroppo, non essendoci altro a disposizione, le scelte di tutti quei giocatori che spersi ed orfani del proprio gioco fisico, nelle “libere uscite” concesse dai vari Dpcm si orientavano proprio al gioco illegale che ha colto la palla al balzo e che si è imposto così sul mercato. E dopo la pandemìa? Cosa sta succedendo ora ai giocatori? Come si stanno rapportando alla riapertura delle attività ludiche che ovviamente hanno cambiato veste?

I punti di gioco d’azzardo che, infatti, si sono dovuti conformare ai protocolli sanitari per poter riaprire i battenti, ma soltanto di recente, e che si sono presentati certamente non come prima del Coronavirus, ma con immagine, strategie ed offerte completamente diversi. D’altra parte, nulla è come prima, probabilmente neppure noi stessi che si è molto cambiati a causa dell’emergenza pandemica, così come sono cambiate le nostre priorità che hanno acquisito una diversa classifica nell’ordine preferenziale nella nostra vita quotidiana. Quindi, oggi, esaminare il comportamento dei giocatori risulta estremamente interessante, affinché il settore comprenda cosa è meglio offrire ed in che forma: ma sopratutto dopo le esperienze dell’emergenza, cosa ricerca questo “nuovo giocatore” nel divertimento? È cresciuta la sua consapevolezza nell’affrontare qualsiasi tipo di gioco? A cosa bada di più quando si intrattiene con qualche partita? Oppure pensa sempre a divertirsi nello stesso modo?

Apparentemente, e ad una prima indagine, si è potuto notare che l’idea di gioco rimane identica: il divertimento. C’è stata una leggera propensione alle scommesse, sopratutto a quelle sportive, e si riduce invece la consuetudine ai giochi di lotteria mentre l’interesse per gli altri giochi, con vincita in danaro, rimane pressoché confermato. Questo studio è stato effettuato dall’Osservatorio sul gioco di Swg, azienda specializzata in indagini demoscopiche, che ci consegna una fotografia molto ben definita “scattata” nell’interesse del gioco pubblico e per quello che rappresenta per contrastare il cammino dell’illegalità. Argomento che sta preoccupando parecchio, forse con qualche ritardo però. Da tempo lo stesso settore dei giochi aveva sollecitato la politica a guardare i danni che la chiusura imposta dall’Esecutivo a tutto il gioco pubblico stava provocando sul territorio poiché l’illegalità era riuscita a “rialzare la testa” nonostante da più di 15 anni Stato ed imprenditori del settore stessero lottando per evitare il suo rientro sul mercato.

Quello che rivela questo studio che è stato realizzato nella fase di uscita dall’emergenza pandemica, e che coinvolge quindi un pubblico favorevolmente orientato ad un “leggero ottimismo”, è che quando decide di giocare lo fa con estrema prudenza come criterio base nella scelta di un gioco, o di un bonus casino, che recentemente si era orientato verso le scommesse sportive, ovviamente coinvolto dagli eventi sportivi relativi all’Europeo di calcio. Ma ci si confronta con un popolo di giocatori che ha maggior senso del rischio che si potrebbe nascondere dietro comportamenti di poca responsabilità nell’affrontare il mondo del gioco con vincita in danaro: rischio che potrebbe anche portare ad una dipendenza con tutte le conseguenze che questa può provocare avendo anche come “paragone” ciò che va a procurare l’alcol, il fumo e la droga. La sensazione che prevale quindi nel giocatore di oggi, dopo pandemìa, è una maggiore consapevolezza del rischio.

Consapevolezza e responsabilità che comportano una maggiore attenzione nella scelta del gioco mobile, che sia terrestre oppure online che richiede senza ombra di dubbio più attenzione. Ormai le piattaforme che offrono giochi sono arrivate ad un numero “incontenibile”, la scelta di “giocare con un buon gioco” diventa difficile, sopratutto applicando il provvedimento di divieto della pubblicità che non consente facilmente di comprendere se una piattaforma sia legale oppure no e quando per giocare si devono applicare criteri seri e proporzionati a quello che si vuole e si può rischiare. Inevitabilmente, ciò comporta una crescita della percezione di pericolosità ma quel che è peggio accresce “un po’ d’ansia” per il timore di un suo accrescimento in futuro. E questo riguarda non solo il gioco, ma pare che anche il consumo di alcool sia in crescendo e la percentuale sulla quale si attesta è sul +9% rispetto allo scorso anno. Ma, per ritornare al gioco si vuole interpretare la differenza che i giocatori percepiscono tra gioco legale e quello che certamente non lo è.

Il responso consegna la sensazione che mentre il gioco legale è considerato divertente, per la maggior parte dei soggetti quello illegale viene visto come “triste, cattivo e senza controllo” e per queste prerogative sarebbe assolutamente da bloccare ed impedire. Si propende in linea generale a vedere un gioco più controllato piuttosto che impedito con divieti assoluti che potrebbero avere l’effetto contrario come l’epoca del “proibizionismo” dovrebbe aver insegnato. E questo da applicarsi anche al mondo del gioco online e del poker online attraverso il tracciamento dei pagamento e le identità digitali degli stessi giocatori. Quello che lo studio dell’Osservatorio sottolinea è la consapevolezza che il gioco illegale sia più presente sul territorio e che questo fenomeno possa essere importante e sopratutto pericoloso: e ciò riguarda indifferentemente i due comparti quello terrestre e quello online. Ma a prescindere da questa consapevolezza si può dire che il gioco illecito viene associato fortemente al poker ed alle scommesse: sensazioni che forse si ricollegano al cliché della vecchia bisca clandestina che viene offerto nei film, argomento ancora oggi molto diffuso.

Data Pubblicazione: 4 Agosto 2021 ore 18:00

SitoRecensioneLicenzaVisita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betway casino logo
Betway Casino
5€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
legale aams
Visita
gioco digitale casino logo
Gioco Digitale Casino
300 Giri + 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
bwin casino logo
Bwin Casino
50 Giri + 200€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
230 Giri + 200€
legale aams
Visita
big casino logo
Big Casino
55€ Gratis + 300€
legale aams
Visita
william hill casino logo
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
legale aams
Visita
netbet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
pokerstars casino logo
Pokerstars Casino
200 Giri + 2500€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita