Al Casinò con il Green Pass: Scelta di responsabilità

per andare nei casino terrestri o nelle sale di gioco azzardo occore presentare il green pass

Quante lamentele e quanti disordini ha procurato questo benedetto Green Pass! Fa continuamente discutere e porta a manifestazioni incessanti che, però, non fanno indietreggiare di un centimetro il nostro Premier Draghi che ha inserito il nuovo super Green Pass e che sta anche studiando anche qualcosa di più “impegnativo” per coloro che continuano a non accedere al vaccino a volte giustificando questo loro pensiero con idee abbastanza “strampalate e bizzarre”.

Nonostante esperti di affermata fama continuino a ribadire che il vaccino sia l’unico mezzo che, abbinato alla certificazione verde, possa consentire di tenere qualsiasi attività aperta e frequentabile da coloro che sono in regola con le norme anti-Covid.

Si può anche aggiungere, senza essere eccessivamente di parte, che l’istituzione della certificazione e la spinta che si continua ad effettuare alle campagne vaccinali consentono, almeno sino a questi giorni che ci stanno avvicinando alle feste natalizie, alle varie attività commerciali di tenere aperti i loro esercizi ed alle persone che lo condividono di recarsi al proprio posto di lavoro.

Come si sa, il Green Pass consente di entrare in qualsiasi esercizio, di andare a teatro od al cinema o ad una mostra e di partecipare a qualsiasi intrattenimento presso le sale da gioco ed i Casinò che con sempre più attenzione stanno applicando ed affinando i protocolli cercando di “stringerli” ulteriormente per dare maggiore sicurezza all’utenza e la certezza che ci si può divertire, anche giocando, ma che non si corre alcun pericolo.

Così, il nostro mondo del gioco si è adeguato a quanto richiesto dal Governo Draghi e dal Ministero della Sanità e si attiene scrupolosamente alle varie istruzioni studiate appositamente per fare star tranquille tutte le persone che vogliono divertirsi tra slot machine, giochi da casinò e qualsiasi altra “innovativa esperienza ludica” che consenta di trascorrere del tempo in leggerezza, che tanti stanno rincorrendo e di cui tutti si ha bisogno.

Oggi, il vecchio periodo del lockdown si può dire “dimenticato”, o quanto meno allontanato, e si spera naturalmente di non dover vivere un’altra esperienza simile, che per taluni è stata devastante.

Nel nostro Paese esistono, in ogni caso, tante persone contrarie al gioco, ai migliori casino ed anche al vaccino: ma nell’insieme ci sembrano non in numero notevole i refrattari alle imposizioni Istituzionali: certo particolarmente refrattari al Green Pass per il quale manifestano nei centri delle città creando ulteriore e notevole disagio sia ai commercianti che faticano “a tirare avanti con le loro attività”, che ai normali cittadini vaccinati che non gradiscono di certo questa “imposizione” a mezzo di manifestazioni anche violente.

Però, mentre nel nostro Paese scorrono i servizi televisivi che fanno conoscere “l’operato” dei no-Green Pass e no-vax che sinceramente non appare molto rispettoso dei diritti delle persone che non la pensano come loro, in altre realtà territoriali “copiano” questo nostra certificazione verde che bene o male, come già anticipato fino a questo momento e varianti del Coronavirus permettendo, sta consentendo alle attività commerciali di continuare nel loro percorso lavorativo.

Infatti, Austria, Regno Unito e Germania (dove Angela Merkel si espressa in una delle sue ultime interviste: “Magari avessimo fatto come l’Italia con il Green Pass”) che si stanno confrontando con un’ondata epidemica preoccupante stanno applicando il Green Pass con sempre più insistenza, quando addirittura non si trovano costretti a chiusure stile “vecchio lockdown” dello scorso anno forse in conseguenza di troppa “permissività” che era stata lodata come “vera voglia di ricominciare”, ma che purtroppo ha provocato una nuova rinascita del virus.

Ed addirittura non solo del Coronavirus, come recentemente si è potuto appurare, ma di altre varianti che spaziando nell’alfabeto greco non lasciano presagire assolutamente nulla di buono a livello planetario.

Ora, infatti, ci si sta confrontando con la variante Omicron che forse, è stata presentata ingigantendone eccessivamente la forza: certo è, però, che con i virus non si scherza e si è potuto purtroppo verificare di persona quanti danni possono essere causati.

Quindi, serve un’attenzione minuziosa anche se qualcuno ha già affermato che le informazioni “passate “all’opinione pubblica sono state eccessive.

Ma come già accennato, il Governo Draghi “tira avanti per la sua strada” ed ha fatto comparire il super Green Pass, evitando ancora l’obbligo vaccinale, ma stringendo sempre più in una morsa coloro che insistono nel non vaccinarsi, impedendo così loro di circolare liberamente ed inserendo sanzioni economiche pesanti. Indiscutibilmente, si presenterà il problema dei controlli: forse quelli “a campione” serviranno a ben poco, ma si ritiene anche che si debba “credere ad oltranza” nella responsabilità anche di chi vuole fare ulteriore confusione in una situazione già difficile da arginare.

Ma il Premier Draghi vuole cercare di dare spazio alle idee di tutti, anche se è costretto nella pratica realtà a fare l’esatto contrario e ad imporsi con l’istituzione del Green Pass, che sia super o meno: ma in una situazione di emergenza resta poca “massa di manovra” per accontentare tutti, altrimenti si rischia di ritrovarci con nuove zone rosse, gialle ed arancioni come già sta succedendo, purtroppo.

A parere di chi scrive, e che in realtà conta veramente poco, il Governo centrale più che spingere sull’acceleratore della vaccinazione ha poche altre scelte e la confusione creata dai suoi detrattori non aiuta ad uscire dall’emergenza sanitaria, anzi si trasforma in danni sanitari anche per chi si è vaccinato che si vede contornato da persone che manifestano senza mascherine, senza distanziamento, ed in fondo anche senza rispetto di una maggioranza che ha scelto di vaccinarsi per rispettare il sociale e per avere una parvenza di normalità che a volte viene impedita con la forza.

Serve ricordare che le manifestazioni dei “contrari a tutto ciò che propone il Governo centrale”, perché è di questo che di base si tratta, dimostrano di essere una “guerra” contro chi si è vaccinato per il bene comune e per i più fragili che sicuramente non traggono beneficio da chi non è vaccinato e che supporta questa sua scelta anche con violenza.

E se il vaccino viene considerato un “sopruso” questa violenza gratuita cosa rappresenta?


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 23 Dicembre 2021 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente