I luoghi sensibili tengono in ostaggio il Gioco pubblico

Pubblicazione: 11 Giugno 2023 ore 08:30

luoghi sensibili danneggiano il gioco

Ultimamente, purtroppo, si sono fatte sentire di nuovo, ed anche con un certo clamore, alcune pronunce da parte di diversi TAR: pronunce che hanno ricominciato a decidere sull’interpretazione dei cosiddetti “luoghi sensibili” in applicazione delle Leggi Regionali “capestro” ed ostili sicuramente a tutte le attività di gioco che da nord a sud del nostro Stivale rappresentano la legalità di Stato: norme con le quali, purtroppo gli addetti ai lavori devono confrontarsi quotidianamente.

E ciò accade nonostante questa normativa oggi risulta essere decisamente obsoleta, ma che continua a tenere in ostaggio il gioco pubblico ed i suoi operatori. Dunque, con immenso “dispiacere” e con una certa frequenza si è ritornato a parlare del famigerato “effetto espulsivo” e quindi del distanziometro: e, conseguentemente, anche dei cosiddetti luoghi sensibili il cui elenco si allunga sempre di più ed a volte anche in assenza di una certa coerenza, sperando che nel futuribile riordino nazionale dell’intero settore ludico si possa davvero intervenire definitivamente declinandone quelli “essenziali”.

Luoghi sensibili che dovrebbero, però, essere uguali per tutti i territori ed ovunque applicati con omogeneità. Ecco spiegato il motivo per il quale oggi si intende andare a “curiosare” nelle pronunce di un paio di TAR per vedere come vengono tenuti in considerazione appunto i cosiddetti “luoghi sensibili” da parte dei Giudici e da cosa sono nella realtà rappresentati.

La prima pronuncia di cui si vorrebbe riferire è relativa al Consiglio di Stato che ha confermato l’ordinanza con cui il TAR Piemonte ha negato ad un bar una nuova installazione di apparecchi da gioco essendo lo stesso punto in cui si offre anche gioco vicino a “luoghi sensibili”.

Sembra non esserci rischio imminente

Il ricorso presentato dall’esercente non è sostenuto dal requisito di “rischio imminente” nel quale lo stesso gestore incorrerebbe qualora si rifiutasse da parte del TAR (come poi avvenuto) il consenso alla reinstallazione degli apparecchi di gioco. E, quindi, tale diniego non sarebbe da considerarsi un grave danno in considerazione della natura prettamente economica del pregiudizio prospettato ed in relazione all’esercizio preponderante, cioè l’attività di bar.

Leggi
Il Gioco deve trasmettere alla politica dati certi e sicuri

E non solo questo: infatti, nel ricorso non viene allegata alcuna documentazione od un qualsiasi altro elemento in grado di dimostrare quanto siano determinanti per la stessa attività di bar gli introiti provenienti dalle apparecchiature di gioco delle quali si nega assolutamente un nuovo posizionamento.

Insomma, secondo i Giudici del CdS si deve tenere presente e deve prevalere in questa fase l’interesse pubblico nel sostenere il contrasto al gioco problematico, fenomeno nel quale si potrebbe incorrere qualora gli stessi apparecchi da intrattenimento fossero tenuti in attività, e quindi in funzione ed accesi, presso l’attività del bar del ricorrente che si trova nelle vicinanze di “luoghi sensibili” e ciò in forza della Legge Regionale del Piemonte del 2021.

Dalla Regione Piemonte, poi, “ci piace” passare all’Emilia-Romagna, già realtà territoriale nella quale il gioco pubblico, ad esempio i siti di gioco online con bonus e promozioni sicure ed affidabili, non è proprio un settore “graditissimo” alle varie Amministrazioni e per il quale la Legge Regionale ha norme estremamente restrittive.

Alcune Norme vengono messe in discussione

Norme che vengono molto spesso messe in discussione dagli addetti ai lavori a mezzo dei tanti ricorsi presentati davanti ai TAR di pertinenza. E qui si parla di una notizia recente, datata 23 aprile scorso, e che riguarda un concessionario di gioco con un esercizio situato nella vicinanza di scuole dell’infanzia ritenute “luoghi sensibili” e catalogate tra le scuole di “ogni ordine e grado”, dalle quali sono esclusi gli asili nido.

In questa “diatriba” serve sottolineare che il ricorrente ha già ricevuto sin dal febbraio 2019 la comunicazione della mappatura comunale che evidenzia la vicinanza della sala giochi di pertinenza dello stesso concessionario ad una scuola dell’infanzia: da ritenersi, come già accennato, tra i luoghi sensibili ai sensi dell’art.6 della Legge Regionale del 2013.

Leggi
Una volta per tutte: Il proibizionismo applicato al Gioco è sbagliato

A seguito di ciò, il Comune di Bologna aveva ordinato la chiusura o la delocalizzazione della stessa sala giochi, da effettuarsi entro i successivi sei mesi, visto e considerato che dai controlli effettuati sulle distanze era emerso che il punto di gioco era troppo vicino appunto alla già citata scuola dell’infanzia.

Ma trascorsi i termini di legge, ed anche quelli successivi intervenuti a seguito della normativa relativa allo stato di emergenza per il coronavirus -il cosiddetto Decreto Cura Italia- la sala è risultata ancora in piena attività: stato di cose che ha suggerito e spinto il Comune di Bologna ad avviare un nuovo procedimento di chiusura, seguito da un ulteriore atto amministrativo del medesimo Comune. Infine, si sottolinea anche che la ricorrente oggi risulta aver presentato la domanda di delocalizzazione presso altro comune ed ha già ottenuto le proroghe previste dalle disposizioni regionali.

Purtroppo il Gioco ne esce sconfitto

Dopo questi “due racconti” che vedono le attività di gioco “soccombere” alle Leggi Regionali, ai distanziometri, ed ai cosiddetti “luoghi sensibili” cosa si potrebbe ancora aggiungere? Che le attività ludiche non possono effettuare i propri percorsi commerciali a causa di questi “strumenti” che impediscono anche ai concessionari di gioco di rappresentare la legalità sul territorio?

Ed allora a che cosa serve avere una concessione di gioco -peraltro pagata profumatamente– se poi lo Stato, con le sue diverse Amministrazioni delocalizzate, non mette in condizioni i propri addetti ai lavori di continuare a proporre l’offerta del gioco pubblico?

Purtroppo, in questi anni e con la presenza delle tante Leggi Regionali (“capestro”) è una domanda che ci si pone anche troppo frequentemente: ma alla quale non si riesce a dare una risposta “pratica”.

Leggi
Troppe volte il Governo ha promesso la Riforma del Gioco

Tutti aspettano il Riordino dei Giochi

Ed anche qui si spera che il futuribile riordino di tutti i giochi possa mettere un punto fermo ben definito che possa mettere le “Riserve di Stato” in condizione di adempiere al proprio compito e sperando che chi inizierà la ristrutturazione del mondo ludico la studi e la metta in pratica rispettando gli interessi di tutti i suoi protagonisti, grandi medi o piccoli che siano, e che non si pensi ad un intervento proiettato a curare soltanto quelli dello Stato e nell’interesse degli introiti delle casse erariali…

 

Gioco Responsabile e Sicuro

Sito Ufficiale ADM


Casino Recensione Visita
Snai Casino
Snai Casinò
15€ Gratis + 1.000€
Visita
JackpotCity Casino
JackpotCity Casinò
170 Giri + 1.200€
Visita
Betway Casino
Betway Casinò
200 Giri + 1.500€
Visita
Leovegas Casino
LeoVegas Casinò
250 Giri + 1.500€
Visita
888Casino
888Casinò
20€ Gratis + 1.000€
Visita
Betflag Casino
BetFlag Casinò
5.000€ Gratis + 5.000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casinò
500 Giri + 1.000€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 2.000€
Visita
Big Casino
Big Casinò
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casinò
400 Giri + 1.000€
Visita
Netbet Casino
NetBet Casinò
10€ Gratis + 600€
Visita
Pokerstars Casino
PokerStars Casinò
500 Giri + 500€
Visita
Sisal Casino
Sisal Casinò
100% Fino a 5.250€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casinò
50 Giri + 200€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casinò
50 Giri + 1.000€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casinò
500€ sul 100%
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente

 

Contenuto a Cura di

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

XFacebookLinkedInThreads

PinterestBehanceScrivi una Email

Vanessa Maggi è la nostra Giornalista di punta che coordina e scrive per la redazione di Casinoonlineaams.com. Spinta da una grande passione per il mondo dei giochi su internet, ricerca sempre notizie legate al mondo ludico per farti stare informato su tutto quel che riguarda questo mondo. La sua passione per questo lavoro è davvero invidiabile. La contraddistingue una grande tenacia nella ricerca della verità.