Nuovo lustro al Governo con la riforma del gioco d’azzardo

lustro al governo draghi se viene fatta la riforma del gioco azzardo

Anche se il periodo estivo lascia ancora qualche spazio di “leggerezza” i preparativi per mettere in campo le prime mosse relative al PNRR senz’altro incombono: la politica è abbastanza galvanizzata da tutti i programmi che deve affrontare per confermare quella credibilità concessa al nostro Paese per l’autorevolezza che il Premier Draghi è riuscito a suscitare alla Commissione Europea che lo rispetta moltissimo per il suo passato sicuramente europeista e per il suo carisma che ha catturato consensi forse anche impensabili. In questi ultimi mesi non vi è dubbio che l’Esecutivo abbia cercato di acquisire ancora più certezze nel proprio cammino con interventi a volte persino scomodi ma che stanno portando risultati importanti in modo particolare per quello che riguarda la salute dei cittadini con una campagna vaccinale che sta rassicurando l’opinione pubblica e che, sopratutto, sta cercando di far passare il periodo “vacanziero” con un poco più di indipendenza personale, cosa divenuta necessaria dopo il tremendo periodo di restrizioni cui tutto il Pianeta ha dovuto sottostare.

Periodo di quasi relax che servirà per affrontare il rientro dalle vacanze quando l’emergenza economica si farà inevitabilmente ancora sentire e dove tutti “dovranno fare il loro” per rendere possibile la rinascita del nuovo Sistema Italia basata sui progetti che sono stati sottoposti all’Europa, che dall’Europa sono stati accettati e che devono essere messi in atto per poter continuare ad usufruire degli “aiuti” che sono però, vincolati a risultati tangibili e controllabili. Tra questi vi sono gli investimenti e le riforme: prima tra tutte la riforma della Giustizia, poi quella della Pubblica Amministrazione e poi via via tutte le altre tra le quali si spera ardentemente di vedere anche quella dell’intero settore del gioco pubblico e dei nuovi casino che ne ha necessità come l’aria per respirare. È arrivato quindi il momento, dopo la prima tranche di danaro ricevuti dall’Europa di far vedere il nostro valore, e che non si è bravi soltanto a parole, ma che queste ultime sono accompagnate dai fatti che andranno a concretizzare quanto avanzato nei nostri progetti.

Il Premier Draghi si farà senz’altro carico che i vari Ministeri proseguano in un lavoro minuzioso ed attento in tutte le direzioni e, quindi, chi ama il gioco può solo sperare che dopo aver affrontato le questioni più importanti a livello nazionale come la riforma della Giustizia, l’abbassamento delle tasse e l’emersione del sommerso ci si ponga anche di fronte al mondo del gioco, peraltro Riserva di Stato. Servirà il riordino per mettere in condizione il settore di continuare a rappresentare la legalità e la sicurezza sul territorio, rimettere in sesto tutto il settore con le sue imprese ed i suoi 150mila lavoratori, e sopratutto metterlo in condizione di ritornare ad essere la terza economia nazionale con tutte le positività che ciò può produrre per le casse dell’Erario. Risultato conseguito per tantissimi anni e come è stato riconosciuto dai vari Esecutivi che si sono succeduti e che hanno beneficiato del “buon cammino percorso dal gioco pubblico”. Ovviamente, tutto il settore è in costante attesa che ciò accada, dopo le infinite promesse che sono state fatte ai suoi operatori.

Però, anche se il nostro Paese gode di questa grande credibilità a livello europeo sono in arrivo le prossime scadenze politiche: le elezioni amministrative di ottobre e l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica che avverranno all’inizio 2022, entrambi avvenimenti di grande interesse politico, ma che non dovranno assolutamente distogliere dai programmi europei. E proprio in questo frangente la politica che recentemente, prima della nomina dell’attuale Esecutivo, non è parsa pervasa da quella giusta dose di buon senso nei confronti del mondo dei giochi, dovrà esprimersi con tutta la sua forza organizzativa per mettere in campo i dettagliati progetti europei che sono di grande impegno, dove dovrà anche inserire, almeno si spera, quello del riordino nazionale dell’intero settore del gioco d’azzardo. Indubbiamente, non sarà quello più importante a livello nazionale, ma lo è senza ombra di dubbio per lo stesso settore davvero in criticità e che ha sempre provveduto a sostenere i bilanci dello Stato che, in ogni caso, rappresenta sul territorio.

Però, indipendentemente da ciò che riguarda il gioco, la nostra politica è attesa da un periodo di grandi cambiamenti se si pensa alla riforma della Giustizia, alla Pubblica Amministrazione ed alla tassazione: tre esempi di grande impegno istituzionale che dovranno fare da spartiacque a tutta la progettazione sottoposta all’Europa. Qui varrà davvero la forza e l’impegno del nostro Esecutivo e di tutti i Ministeri coinvolti ai quali il nostro Premier Draghi ed il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio hanno già fatto arrivare la “spinta” ufficiale affinché vengano seguiti con attenzione tutti i progetti ed i programmi concordati. Evidentemente Draghi non vuole perdere la credibilità che il Paese ha acquisito comportandosi in modo più che soddisfacente nell’ultimo periodo pandemico. È stato davvero fatto l’impossibile per l’economia del Paese cercando di tenere tutte le sue attività aperte che sembrano essere abbastanza soddisfatte sia dell’accesso del pubblico che della movimentazione economica.

I gestori degli alberghi hanno ricominciato a vedere anche i turisti stranieri che probabilmente si sentono rassicurati dalla campagna vaccinale che è stata svolta e le interviste che vengono trasmesse sembrano positive: sempre che la variante Delta riesca ad essere tenuta sotto controllo con tutta la massa di persone che si riversa sulle spiagge, nelle città d’arte, nei musei, per lo shopping. Cautamente si può essere timidamente contenti del lavoro anti-pandemìa svolto sino a questo momento e sembra anche di vedere una certa normalità nelle strade del nostro Paese con i cittadini che dimostrano abbastanza sicurezza e tranquillità. Anche il gioco e le scommesse, dopo i primi giorni un po’ complicati per l’inserimento del Green Pass sembra aver trovato un minimo di equilibrio: ovviamente senza “cantar vittoria” si può dire che stia camminando lentamente verso quella normalità che concede per il momento la pandemìa. Sembrano passi avanti rassicuranti e pieni di speranza e fiducia per i tempi a venire.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 10 Settembre 2021 ore 14:42
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente