M5S: Il gioco è la piaga del secolo e la causa di tutti i mali

movimento 5 stelle contiua ancora a denigrare il settore del gioco azzardo legale italiano

Non ci si ricorda davvero quante volte si è ripetuto il ritornello che il gioco d’azzardo, compresi i siti migliori di casino legali, rappresenta “la piaga del secolo e la causa di tutti i mali”, qualche anno fa di “uso quasi esclusivo” del Movimento Cinque Stelle che lo cavalcava spesso e volentieri per “fomentare” l’opinione pubblica affinché avesse dell’intera industria dei giochi l’idea che il settore ludico fosse immorale ed approfittatore delle debolezze altrui.

Questi erano i concetti che quello schieramento politico presentava nei confronti di tutto il settore e delle sue imprese a volte arrivando persino a sottolineare che nel gioco d’azzardo gli operatori erano “mezzi delinquenti”. Però, tutto ciò succedeva in passato, ma le attese che il riordino del gioco sta accumulando per la sua apparizione, e sopratutto per salvare la legalità sul territorio, è davvero tanta.

Ed è cosa che può anche lasciare intendere che non si voglia proprio intervenire per la benedetta riforma di tutto il settore ludico e per la sistemazione delle sue mille norme che ormai non si riescono neppure più ad applicare per il loro numero sproporzionato e per quanta confusione e sovrapposizione continuano ad offrire.

La miriade di norme, infatti, prestano sempre più spesso il fianco ad interpretazioni “alternative” da parte dei “poveri Giudici dei TAR” chiamati a dirimere un mare magnum di ricorsi proposti dagli operatori del gioco d’azzardo che vi ricorrono (o ricorrevano) per avere acclarato il proprio diritto ad avere un percorso commerciale almeno normale.

Oggi, purtroppo, le cose non sono molto cambiate: le norme anzi sono aumentate e la risposta della politica per quel che riguarda il riordino è tutt’oggi latitante e ciò implica per gli addetti ai lavori del gioco pubblico vivere in una continua ed assoluta incertezza anche se dopo la ripartenza una minima presenza di segnali di ripresa si possono registrare.

Ma sicuramente questo non basta per rendere la vita commerciale delle varie attività serena e senza scossoni: la ripresa dovrebbe essere accompagnata quasi inevitabilmente dal riordino dell’intero settore, veramente unica arma per poter svolgere il compito di rappresentare la legalità sul territorio ed i prodotti legali di Stato.

Le sensazioni che “girano” nei padiglioni di ENADA, la Fiera di Rimini per il gioco, sono di speranza per aver riaperto le varie attività, ma anche lasciano insoluti tanti interrogativi che appunto l’assenza del riordino del mondo ludico e delle scommesse sullo sport rende ancora più inquietanti.

Infatti, dopo il lunghissimo lockdown imposto al gioco, le diverse attività commerciali si sono ritrovate, come pre-Coronavirus, a confrontarsi con le Leggi Regionali “capestro” che lasciano davvero poco spazio alle attività commerciali legali per poter riprendersi dal periodo infausto che l’emergenza pandemica biecamente ci ha fatto conoscere.

Ed è proprio per queste leggi “capestro” che si continua a sottoporre al Governo la necessità improrogabile di arrivare al riordino dell’intero settore: per potere andare avanti senza essere angustiati e tormentati da norme che negli ultimi anni sono arrivate addirittura ad impedire al gioco legale di “vivere” la sua normalità.

E questo si percepisce persino nell’evento di Rimini poiché, senza dubbio, l’intero gioco terreste è attualmente assai distante dall’avvicinarsi agli incassi pre-pandemia anche se, obbiettivamente, la ripartenza delle attività commerciali potrebbe considerarsi positiva, almeno in parte perché fa riassaporare la possibilità di riavvicinarsi ad una situazione di quasi normalità cui la maggior parte delle persone ambisce: normalità che nell’ultimo anno dall’essere sottovalutata è passata ad essere determinante per la tranquillità anche psicologica di tantissime persone.

Lo stesso evento della Fiera ENADA di Rimini segnala la ripartenza del settore dei giochi, regalando qualche movimento del mercato che lascia intravedere una ripresa seppur minima ma che si percepisce nettamente.

Le presenze ad ENADA dei rappresentanti delle varie categorie ludiche lasciano appunto intravedere che il periodo peggiore sembra passato e lo testimonia una dichiarazione del Presidente di SAPAR, Associazione organizzatrice della manifestazione.

Il concetto si può racchiudere in poche ed esplicative parole: “Dopo ciò che si è vissuto negli ultimi mesi è già importante ritrovarsi in Fiera sopratutto per dare un segnale che il gioco è vivo e sicuro”.

Il che dimostra che tutta l’industria del gioco vuole vedere il bicchiere mezzo pieno e con lo svolgimento di ENADA vuole appunto rappresentare che la ripartenza è stata ottenuta e che il gioco non vuole “fermarsi più”: quindi, ben venuto anche al Green Pass che sta probabilmente consentendo alle varie attività di tenere le saracinesche alzate con tanta voglia di ricominciare a ripresentarsi alla propria utenza, seppur in modo nuovo e con tutti i protocolli di rito per la sicurezza della salute.

Una eventuale ulteriore chiusura non sarebbe né concepibile, né tanto meno sopportabile dalle “casse delle varie attività” che hanno subito un tracollo senza fine ed anche, bisogna sottolinearlo, imprese che hanno ricevuto ben poco sostegno dalle istituzioni, seppur promesso più volte.

E non si può certo affermare che con la ripartenza delle attività tutte le problematiche siano state superate: purtroppo, esiste ancora una forte ostilità nei confronti del mondo dei giochi, poker online compreso, ed è proprio per questa sensazione che ci si è espressi all’inizio di queste righe con le vecchie frasi che venivano rivolte con dispregio all’intero mondo ludico.

E l’ostilità che ancora persiste tutt’oggi non è sicuramente prodromo ad una facile convivenza tra gioco e (certa) opinione pubblica.

Serve necessariamente che il gioco lavori tutto unito in tutta la sua filiera ed essere presenti all’evento di ENADA potrebbe essere la strada giusta per trovare nuove sinergie per rendere il settore ancora più forte per mostrare ciò di cui è capace sia per la creatività di prodotti nuovi, per l’occupazione, per la rappresentanza della legalità.

Sono cose indubbiamente importanti che il gioco “racchiude” insieme al tantissimo entusiasmo che sta impiegando nel ripartire.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 15 Ottobre 2021 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente