Il digitale rappresenta inequivocabilmente il futuro del Gioco

digitalizzazione obbligata per il gioco legale

Più e più volte si è scritto che il digitale nel nostro Paese ha fatto un passo avanti enorme in conseguenza del periodo pandemico e dei tanti lockdown che hanno costretto tutta la popolazione, ed anche le imprese, ad abbracciarne le “offerte”: chi non si è avvicinato agli acquisti online durante quel terribile periodo dove si era tutti costretti ad una “reclusione domiciliare” per evitare i contagi?

Quindi, indirettamente, si dovrebbe ringraziare, se così si può dire, ciò che così tragicamente ha segnato le vite di qualcuno per essere stati proiettati in un mondo digitale nuovo che avremmo affrontato con più calma e senza pagarne un prezzo così alto come quello che ci ha presentato la pandemìa.

Ma ormai, il gioco è fatto ed il digitale ci ha proiettato nel futuro nel quale tutti noi ci dovremo comunque adattare: e non solo la gente comune con le proprie quotidianità, ma anche le imprese devono di certo approfittare di questo “accesso” che inequivocabilmente consentirà loro di crescere ed aprire nuove porte sui mercati e nelle professioni.

Un mondo che è portato in modo particolare al digitale è fuori di dubbio quello del gaming in tutti i suoi segmenti e proprio di questo si vorrebbe parlare per cercare di valutare dove potrebbe portare il sistema gioco lo stesso digitale.

Esistono ancora i detrattori del Gioco legale

E come forse potrebbe farlo uscire da quel pregiudizio che i suoi detrattori continuano a sventolare come fosse un vessillo cercando di contaminare la mente di una parte dell’opinione pubblica che si lascia influenzare dalle tante campagne denigratorie che il gioco, bonus senza deposito casino online compresi, deve perennemente subire.

Ma quel che è peggio è che il pregiudizio o il mal-pensiero di tutto ciò che compone il mondo del gioco proviene niente meno da chi lo ha creato, il Governo centrale, la politica, i politici e tutto ciò che ruota nelle istituzioni, anche quelle de-localizzate che non fanno altro che sminuire qualsiasi cosa provenga da questo benedetto settore ludico, nonostante produca introiti cospicui dei quali qualsiasi Esecutivo fa fatica a rinunciare.

E qui si potrebbe aprire una parentesi e ringraziare un’eredità lasciata dal Governo Draghi che ci ha fatto conoscere il PNRR ed il piano di sviluppo dedicato prevalentemente al Meridione, ma naturalmente non solo a quella parte di territorio, orientato al digitale e che rappresenta, senza dubbio e come già sottolineato, un terreno davvero fertile per tutta l’intera industria del gioco.

Ciò potrebbe accadere attraverso un cambiamento nella gestione dello stesso gioco nel modo più ampio possibile, orientato alla concretezza ed alla sostenibilità senza trascurare l’aspetto sociale o quello sanitario, riuscendo a sfruttare le grandi opportunità che proprio il digitale potrebbe spalancare nell’immediato futuro.

Il mondo dei giochi, ma particolarmente alcune imprese leader nel settore, si stanno già attivando in questa direzione anche se altri comparti lo stanno già facendo con maggiore impulso, sperando con questo atteggiamento di riuscire ad essere considerati alla pari di altri settori.

La creazione di nuovi posti di lavoro

O quanto meno di riuscire a generare nuove realtà imprenditoriali e nuovi posti di lavoro, argomento estremamente importante, start-up o servizi che si occupino di questo mondo ludico, considerato che oggi fare business con il gioco ed aprire una sua nuova attività risulta essere quasi un tabù oltre a richiedere una forte abilità del futuro investitore nel superamento degli enormi ostacoli che il gioco “offre” a chi vi si vuole confrontare.

Si è certi che “l’era digitale” sia un’ottima occasione per il gioco: dovrebbe servire per avere uno sguardo a 360° utile per proiettarsi verso orizzonti nuovi ed affrontare nuove sfide che potrebbero finalmente prendere per mano il gioco e far ritornare quell’entusiasmo e quella gioia nel proprio lavoro, come di recente non accade e laddove non è possibile fare ad alcun operatore del gioco pubblico da sempre vittima di quel pregiudizio di cui si sta parlando ancora oggi e che sarebbe il caso di accantonare una volta per tutte.

Esiste, quindi, questa grande opportunità di rilancio attraverso una giusta gestione globale del gaming, ma serve saperla sfruttare bene e superare quegli ostacoli che ne condizionano lo sviluppo: insomma una sorta di sfida “od ora o mai più” che deve essere seriamente accolta dall’intero sistema gioco che sta aspettando un’occasione simile da anni.

Ancora ingiustizie verso il mondo dei Giochi

E quando forse si era quasi abituato ad essere declassato e demonizzato, seppur ritenendolo una grande ingiustizia per sé come settore, per le sue imprese ed anche per i suoi lavoratori che troppo spesso vengono coinvolti sempre nel famoso pregiudizio che consente persino agli Istituti di Credito di non accettare richieste di finanziamento o di mutuo da parte di quei dipendenti delle aziende di gioco che risultano di fatto poco affidabili e credibili economicamente.

E di fronte anche a questo cosa si dovrebbe dire? Ma lasciando perdere tutto questo che “potrebbe far parte del passato” se il gioco prendesse a due mani la forza di reagire e di afferrare l’opportunità di questa “era digitale” che viene offerta a piene mani sarebbe davvero una svolta.

Una svolta che farebbe dimenticare tutto ciò che di negativo è stato fatto sinora “contro” il gioco sia da parte della politica che dai vari Governi anche e sopratutto quando si dimostravano latitanti ed indifferenti di fronte alle criticità delle proprie “Riserve di Stato”.

Ci si dimenticherebbe anche di far parte di un settore certamente difficile, tenendo conto delle varie implicazioni che comporta e dei vari profili di delicatezza che da sempre lo accompagnano e lo distinguono da tanti altri settori di servizi.

Insomma, questa nuova strada digitale che si apre di fronte al gioco vale la pena di approfondirla, di studiarla, di prepararla ed anche se risulterà essere multiforme e complicata ed in evoluzione continua, cosa che al gioco sicuramente si confà perfettamente, varrà la pena di percorrerla se alla fine il gioco si sentirà “finalmente libero” da tutti quegli schemi mentali, pregiudizi e falsi moralismi oppure stereotipi troppo vecchi per essere applicati al gioco attuale che rappresenta il sano divertimento e la leggerezza.


Contenuto a Cura di

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestLinkedInScrivi una Email

Vanessa Maggi è la nostra Giornalista di punta che coordina e scrive per la redazione di Casinoonlineaams.com. Spinta da una grande passione per il mondo dei giochi su internet, ricerca sempre notizie legate al mondo ludico per farti stare informato su tutto quel che riguarda questo mondo. La sua passione per questo lavoro è davvero invidiabile. La contraddistingue una grande tenacia nella ricerca della verità.

Pubblicazione: 3 Dicembre 2022 ore 09:30

Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
JackpotCity Casino
JackpotCity Casino
100% Fino a 600€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 200€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente