Gioco d’azzardo: Dopo il lockdown offerte ancora più innovative

gioco fuori da lockdown ci si aspettano ricche novita

Senza ombra di dubbio la pandemìa è costata un prezzo altissimo ai cittadini ed alle imprese di tutto il Pianeta: noi, nel nostro piccolo, si vuole guardare ovviamente al nostro Paese ed in particolare all’esperienza del mondo dei giochi, casino nuovi compresi, e dei suoi frequentatori che durante il lunghissimo lockdown hanno dovuto scegliere la rete per intrattenersi con il proprio passatempo preferito: il gioco. Dunque, si può dire che nonostante la pandemìa ci abbia trasmesso disagi, timore e dolore è riuscita anche a far crescere alcuni settori che hanno aguzzato l’ingegno studiando nuove strategie che, di fatto, andassero ad accontentare un nuovo pubblico anche un po’ frastornato dall’emergenza sanitaria e dalla successiva emergenza economica che ha fatto percepire a tutti la vita in modo completamente diverso. Non si finirà mai di ripetere che “nulla sarà come prima” e di fatto anche i mercati sono cambiati, le strutture aziendali sono cambiate, le offerte sono cambiate, come pure il porsi dei punti di gioco.

Infatti, il gioco terrestre sta studiando di proporre “qualcosa di online”, mentre l’online viceversa sta proponendo qualcosa di fisico cercando collaborazioni ed acquisizioni, anche se questo forse disorientare un pochino, almeno all’inizio. Sopratutto il comparto online si sta attivando con tanta lena per conservare in futuro quell’impennata di richieste ricevuta durante le diverse “domiciliazioni forzate” imposte con i vari Dpcm del Governo centrale ed anche sino a poco tempo fa quando il mondo dei giochi è stato uno degli ultimi settori a riaprire i battenti seppur tra mille difficoltà. Non da ultima quella relativa al Green Pass che anche se si comprende a livello sanitario creerà all’utenza terrestre ulteriori disagi oltre a quelli di affrontare una veste nuova dei punti di gioco che, seppur sempre accoglienti, saranno soggetti ai protocolli che per il gioco sono alquanto rigidi. Dunque, mentre il gioco terrestre sta cercando di riconquistare la propria utenza con proposte accattivanti e con un’accoglienza per quanto possibile calda e coinvolgente, l’omnicanalità sta allargando le sue braccia al gioco.

Ciò sembra essere un modello futuro vincente per il nostro mercato, diventato più veloce nella sua esposizione e nel suo rapido avanzamento proprio a causa od in conseguenza dell’effetto pandemìa ed è sembrata, in ogni caso, un’inevitabile evoluzione. Gli operatori vogliono decisamente accelerare questa corsa verso l’integrazione dei canali come anticipato nelle righe precedenti: quelli fisici come le sale gioco, bingo, le agenzie di scommesse guardano con serie intenzioni ad una integrante offerta online che possa essere compatibile con la propria rete, mentre gli operatori che sino ad oggi sono stati esclusivi distributori di prodotti online, oggi guardano con estremo interesse ad una estensione della loro attività con le reti fisiche di gioco. È una sorta di offerta globale ed omni-comprensiva che il gioco mette sul piatto per accontentare le esigenze di questo “nuovo giocatore” uscito dalla pandemìa con più richieste, addirittura più sofisticate, per soddisfare la propria voglia di gioco.

E non si possono assolutamente rifiutare queste scelte che hanno contribuito, ed ovviamente si parla di quelle effettuate in rete, a tenere in piedi il settore ludico ma anche a far guadagnare, in un tempo “di magra” come quello dei lockdown il segmento online che così si è rinfrancato ed affrancato notevolmente. Ma cosa accadrà al mercato del gioco con tutte queste innovazioni necessarie per un nuovo sistema di gioco che è nato da poco, ma che ha richieste quasi “impellenti”? Spingerà senz’altro verso le acquisizioni ed all’unione tra diverse forze economiche per proporsi con una disponibilità finanziaria maggiore, più strategie e senza dubbio con maggiore e più varia esperienza frutto dell’unione di forze e strategie differenti. Cosa che oggi rappresenta il futuro, ma che ha sempre rappresentato una certa qual soluzione agli “imprevisti”: l’unione fa (indubbiamente) la forza ed ecco perché questo sembra un cammino percorribile con facilità e che viene comunque suggerito dallo stesso mercato del gioco con tutte le richieste dei giocatori che vorrebbero avere a disposizione presso “un unico fornitore di servizi” un’unica soluzione alle proprie esigenze.

Ed allora via a queste acquisizioni od all’unione di forze economiche per fare magari di piccole entità commerciali qualcosa di più grande e, sopratutto, di più interessante a livello di offerta globale per il nuovo giocatore esigente. In pratica l’attuale mercato del gioco suggerisce l’unione di operatori che abbiano prodotti diversi: un insieme che può offrire un prodotto più completo, differenziato, globale che andrà a soddisfare le esigenze del giocatore in diverse direzioni. Ogni operatore, destinato ad essere sempre maggiormente potente, spazierà quindi in vari settori, come il gioco mobile, che possono comprendere slot maschine, scommesse ed altro offrendo un “ventaglio di giochi” sempre più aperto. Nel frattempo e per significare che il gioco sta cambiando sembra “soffino venti positivi” per la sospensione del decreto della pubblicità ai giochi che forse consentirà proprio al cambiamento stesso di farsi meglio conoscere dai giocatori, richiesta in modo accorato dalla FIGC.

Anche se questo è per il momento parte di quelle voci di corridoio che in pandemìa continuano a sussurrarsi in modo particolare, però, per quello che riguarda l’avvento del riordino nazionale dell’intero settore del gioco. Si sussurra di uno stop al divieto, però, è una voce “quasi nuova” e come tale desta senza dubbio curiosità e, sopratutto, estrema attenzione. Troppe volte si è sottolineato, anche durante il lunghissimo lockdown, quanto sarebbe stato importante per gli operatori, sopratutto quelli nuovi, non avere questo “capestro” del divieto della pubblicità per presentarsi al proprio pubblico sostenuti dalla pubblicità che può far comprendere la legalità e sicurezza dei prodotti e delle offerte che si riescono a studiare e mettere sul tavolo: e tale realtà e tale passo indietro delle istituzioni forse diventerà ufficiale e di questo ci si deve dichiarare soddisfatti per il futuro vicinissimo dei giochi ed anche dei suoi aficionados che avranno meno remore nell’avvicinarsi al gioco riconoscendo quello che è legale e quello che sicuramente non lo è.


Ci Mettiamo la Faccia

Giornalista Vanessa Maggi

Vanessa Maggi

Giornalista

Gioco Sicuro e Legale

Firma

TwitterFacebookPinterestInvia Email

Pubblicazione: 21 Agosto 2021 ore 18:00
Casino Recensione Visita
888Casino
888 Casino
20€ Gratis + Fino a 500€
Visita
Snai Casino
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Betway Casino
Betway Casino
50 Giri + 500€
Visita
Leovegas Casino
Leovegas Casino
250 Giri + 1000€
Visita
GiocoDigitale Casino
Gioco Digitale Casino
370 Giri + 500€
Visita
Eurobet Casino
Eurobet Casino
30 Giri + 1005€
Visita
Bwin Casino
Bwin Casino
50 Giri + 200€
Visita
StarCasinò
StarCasinò
50 Giri + 200€
Visita
Big Casino
Big Casino
55€ Gratis + 300€
Visita
William Hill Casino
William Hill Casino
200 Giri + 1000€
Visita
Netbet Casino
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
Visita
Pokerstars Casino
Pokerstars Casino
500 Giri + 2500€
Visita
Betflag Casino
Betflag Casino
1000€ Gratis + 1000€
Visita
Casino.com
Casino.com
10€ Gratis + 500€
Visita
Unibet Casino
Unibet Casino
100% Fino a 300€
Visita

 

ADM Gioco Responsabile

Il Gioco è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza patologica

Gioca Responsabilmente