Sapar ricorre alla corte europea

A Sapar, associazione che tutela gli interessi delle aziende del gioco, proprio non va giù la Legge di Stabilità: è stato iniziato un percorso presso il Tar e si sta aspettando una risposta che dovrebbe arrivare alla fine di questo mese di novembre. Il Presidente di Sapar, Raffaele Curcio, fa presente che se il Tar dovesse esprimersi in un giudizio negativo si proseguirà con richieste al Consiglio di Stato e, come ultima ratio, con istanza alla Corte Europea. Battaglia, quindi, su tutti i fronti e per quanto riguarda i ricorsi ex art.700, che però non sono stati accolti in quanto i Giudici hanno ritenuto non sussistere gli estremi per un provvedimento di urgenza, si attende di entrare nel merito di detti ricorsi e, poi, si affronteranno i risultati.

Sapar, sempre attiva a difesa dei propri assistiti, sta sollecitando anche incontri con i rappresentanti del Governo, per continuare ad instaurare dialoghi costruttivi ed efficaci sempre in relazione alla Legge di Stabilità che per la filiera del gioco sta diventando quasi “come il mal di denti”…

Sapar spera che la classe politica possa comprendere, una volta per tutte, che o si vietano tutte le offerte di gioco, con la cancellazione definitiva delle aziende che se ne occupano, o lo si regolamenta, ma in modo organico ed imparziale, tutelando prima di tutto i minori e poi il gettito erariale che potrebbe essere investito anche per fare informazione corretta, prevenzione ed educazione. Sarà necessario, in ogni caso, garantire tutti i componenti della filiera, altrimenti sarà… la fine.

novembre 9, 2015 by : • Nessun commento
Vanessa Maggi

More About

Caporedattore presso Casinoonlineaams.com

View Posts - Visit Website

Comments are closed.