Un Governo giovane per un gioco sempre più in crisi

governo giovane incontra mondo del gioco

Se vogliamo fare una sorta di paragone con gli altri Esecutivi precedenti a quello attuale Giallo-Verde, una cosa che salta in modo indiscutibile all’occhio è che questo Governo è indubbiamente molto giovane: quindi, la virtù della sua giovinezza può portarlo anche (per il momento almeno) a promettere qualsivoglia cosa e, poi, a non mantenerla, a dichiarare roboanti anatemi e poi rimangiarseli, fare una campagna elettorale basata su alcuni argomenti che poi sono stati “come abbandonati” una volta arrivati al potere politico. Ergo: come nella vita, anche nella politica la gioventù diventa una “buona scusante” per non tradire completamente le aspettative che se fatte da un Governo “maturo” e non mantenute sono in modo inevitabile deprecabili e foriere di una certa perplessità nonché portatrici di disquisizioni negative. L’Esecutivo Giallo-Verde, ancora, si salva da tutte queste negatività e l’opinione pubblica, particolarmente quella “votante” si sente di dargli ancora spazio per potersi “riscattare” e, sopratutto, tempo per poter arrivare alle citate promesse non mantenute al momento.

Un discorso forse apparentemente un poco contorto, ma che in effetti non lo è, se andiamo a parlare del mondo del gioco pubblico, compresi i siti legali di casino, quando in campagna elettorale si dichiarava che lo si voleva spazzare via dall’italico territorio perché “immorale” ed ora, invece, ci si trova con lo Stato centrale che “dipende dalle risorse del gioco” per far quadrare la propria Manovra finanziaria. Quindi, si può considerare questo comportamento politico “giovane e privo di esperienza” ma ci si può aspettare che, andando avanti, le cose cambieranno per il gioco, magari non in modo radicale come preannunciato in campagna elettorale, anche perché in realtà con il famigerato Decreto Dignità, compreso il divieto alla pubblicità ai giochi che lo stesso contiene, cose ne cambieranno ed anche tante. Ma almeno si potrà dire che qualche argomento è stato affrontato, può darsi non nel modo più consono, ma almeno si è avuto il coraggio “seppur giovane” di farlo e di studiare qualcosa di nuovo che non era ancora stato messo in campo dagli altri Governi se non con timidi tentativi oltre tutto “mal riusciti”.

Ma si può anche dire che non si tratta dell’unica promessa tradita da questo attuale Esecutivo: si aspetta anche una riforma del mondo dei giochi che è stata più volte annunciata, ma attualmente mai messa in campo. Ed a ragion del vero non solo da parte di questo Governo che, come già detto più volte nelle righe precedenti, gode della virtù della giovinezza che gli consente di rimandare gli impegni assunti al prossimo immediato futuro. Ma in relazione a questa mancanza di riforma da parte dell’attuale Esecutivo a chi importa se questo riordino non arriverà mai? Forse, e si sottolinea forse sardonicamente, agli oltre 100mila dipendenti a vario titolo della filiera del gioco e delle scommesse online, tra diretti ed indiretti? Ma nonostante tutto bisogna dare atto che, probabilmente, l’attuale Governo sembra l’unico in grado di poter cambiare le cose per il settore ludico: ed anche capace di toccare un settore così “scomodo” come quello dei giochi forse anche in virtù delle doti comunicative che i due schieramenti possono fare proprie e che arrivano, in ogni caso, al cuore ed alla mente dell’italico popolo con una certa facilità.

Prova ne sono due interventi che il “giovane” nuovo Esecutivo è riuscito a far “digerire” al suo elettorato: la introduzione di due nuove lotterie nonostante la dichiarata avversione nei confronti del mondo del gioco d’azzardo ed un restyling del vecchio Totocalcio. Nessuno ha osato obbiettare qualcosa, nessuno ha richiamato al Governo Giallo-Verde quanto si voleva “spazzare via il gioco d’azzardo malsano ed immorale”: è stato accettato, punto e basta. Quindi, la virtù della “gioventù governativa” ancora una volta ha avuto la meglio e si sono perdonate le dichiarazioni di allora ed il loro comportamento nettamente contrario di oggi: evidentemente, tutto fa parte del “gioco politico” e poco importa che venga coinvolta tutta la filiera del gioco che con l’andirivieni delle idee e dei provvedimenti che si mettono in campo certamente non ha un presente facile da gestire, dovendo combattere con l’emotività dovuta agli interventi governativi (seppur ammantati dalla gioventù) e neppure riesce a vedere all’orizzonte un “futuro radioso”:

Gli elettori, in ogni caso, non hanno obbiettato nulla sulle nuove iniziative ludiche provenienti dalla giovinezza del novello Esecutivo. Anzi, con questi recenti interventi si è riusciti forse a salvare dal fallimento il Casinò di Campione, cosa oltre modo difficile da digerire da parte di qualsivoglia maggioranza, ma pure un atto “dovuto” per i dipendenti della Casa da Gioco che in numero ragguardevole vedevano veramente un “domani pieno di punti oscuri”. Cosa aggiungere agli atteggiamenti del giovane Governo Giallo-Verde? Probabilmente bisogna dare tempo, la possibilità di “gridare”, ma anche quella di essere “ascoltati” dai propri elettori: se fanno o faranno errori oppure se vi saranno contraddizioni “tra il dire ed il fare” bisognerà avere pazienza.

In fondo si sono subite cose peggiori dai vecchi Governi che di esperienza ne avevano tanta e che, indubbiamente, non avevano tanta “gioventù” che potesse giustificare alcuni grossi sbagli… Di conseguenza e probabilmente può essere che proprio con questo nuovo Governo il mondo dei giochi abbia qualche possibilità di cambiare: e quasi con sicurezza si può anche pensare che il riordino potrà davvero arrivare, anche perché se non arriva ora, con questa mente giovane, aperta, tecnologica, social, comunicativa quando mai si potrà attuare? Sono tutte “virtù” che insieme alla gioventù del nostro attuale Governo Giallo-Verde possono compiere un percorso utile per tutti i giochi e rendere il settore ludico finalmente sostenibile, indispensabile, utile e divertente: ce la faranno questi politici, così giovani ed inesperti, a concretizzare un grosso salto di qualità alla nostra politica ed al “suo fare”?

Febbraio 9, 2019 Autore: : •
Sito Recensione Licenza Visita
888 casino logo
888 Casino
20€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
snai casino logo
Snai Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
starcasinò logo
StarCasinò
125 Giri + 1000€
legale aams
Visita
casino.com logo
Casino.com
10€ Gratis + 500€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Betway Casino
100% Fino a 1000€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Eurobet Casino
5€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
betflag casino logo
Betflag Casino
30€ Gratis + 1.000€
legale aams
Visita
william hill casino logo
William Hill Casino
200 Giri + 100%
legale aams
Visita
betfair casino logo
Betfair Casino
25€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
leovegas casino logo
Leovegas Casino
Fino a 1000€
legale aams
Visita
gioco digitale casino logo
GiocoDigitale Casino
10€ Gratis + 200€
legale aams
Visita
voglia di vincere casino logo
Voglia di Vincere
10€ Gratis + 1200€
legale aams
Visita
unibet casino logo
Unibet Casino
100% Fino a 300€
legale aams
Visita
eurobet casino logo
Netbet Casino
10€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
titanbet casino logo
Titanbet Casino
20€ Gratis + 1000€
legale aams
Visita
32red casino logo
32Red Casino
10€ Gratis + 160€
legale aams
Visita